Myricae

Compra su Amazon

Myricae
Autore
Giovanni Pascoli
Editore
E-text
Pubblicazione
13 luglio 1996
Categorie
Myricae è una raccolta di poesie di Giovanni Pascoli, pubblicata in successive edizioni tra il 1891 e il 1911. L'opera rappresenta l'ultimo esempio di poesia lirica "classica" prima della stagione delle Avanguardie poetiche del Novecento. Il titolo della raccolta pascoliana deriva dal verso della IV Bucolica di Virgilio «arbusta iuvant humilesque Myricae», cioè "piacciono gli arbusti e le umili tamerici". Questa frase è utilizzata dal poeta anche nell'epigrafe dei Canti di Castelvecchio e, in forma più completa (non omnes arbusta...) o insieme al verso precedente variamente "tagliato", come introduzione ad altre sue raccolte poetiche.

Come accaduto per altri grandi raccolte, a cominciare dal Canzoniere di Petrarca, essa si stende per quasi tutto l'arco della produzione poetica dell'autore, così che la storia compositiva di Myricae si può dire coincida con lo sviluppo stesso della coscienza poetica di Pascoli. Per queste ragioni, l'identificazione di una unità strutturale della raccolta non può che essere il risultato di una interpretazione che prenda in considerazione, accanto alla lettura dei testi, degli eventi e delle esperienze psicologiche che segnarono l'esistenza del poeta.

Nota: gli e-book editi da E-text in collaborazione con Liber Liber sono tutti privi di DRM; si possono quindi leggere su qualsiasi lettore di e-book, si possono copiare su più dispositivi e, volendo, si possono anche modificare.

Questo e-book aiuta il sito di Liber Liber, una mediateca che rende disponibili gratuitamente migliaia di capolavori della letteratura e della musica.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giovanni Pascoli

Myricae/Canti di Castelvecchio (Classici della religione)

Myricae/Canti di Castelvecchio (Classici della religione) di

Giovanni Pascoli, nato nel 1855 a San Mauro di Romagna e morto a Bologna nel 1912, è poeta e figura emblematica della letteratura italiana a cavallo fra Ottocento e Novecento. Le sue opere più rappresentative sono le raccolte in versi Myricae e Canti di Castelvecchio. Le poesie delle Myricae, tra le più amate dal loro stesso autore, furono oggetto di più edizioni, dalla prima comprensiva di 22 ...

Odi e Inni (Classici della religione)

Odi e Inni (Classici della religione) di

Le Odi e gli Inni del Pascoli sono opere la cui pubblicazione vive di momenti diversi, ognuno oggetto di un lavoro di rivisitazione fatto di aggiunte e varianti testuali. Alla prima edizione, dedicata Alla Giovine Italia e che reca in epigrafe il virgiliano Canamus, ne seguono altre due, una nel 1907 e l'altra, postuma, nel 1913 curata dalla sorella Maria. Da non trascurare anche l'uscita, prim...

Poemi conviviali/Poemi italici/Le canzoni di Re Ezio/Poemi del Risorgimento/Inni per il Cinquantenario dell'Italia liberata (Classici della religione)

Poemi conviviali/Poemi italici/Le canzoni di Re Ezio/Poemi del Risorgimento/Inni per il Cinquantenario dell'Italia liberata (Classici della religione) di

Le opere considerate minori del vasto corpus letterario di Giovanni Pascoli sono proposte oggi in una composita edizione digitale corredata di un curato compendio critico interattivo, che rappresenta un valido strumento per approfondire la poetica di uno dei maggiori poeti a cavallo tra Ottocento e Novecento. L'edizione Utet è stata curata da Giovanni Barberi Squarotti.

Minerva oscura Prolegomeni: la costruzione morale del poema di Dante (Italian Edition)

Minerva oscura Prolegomeni: la costruzione morale del poema di Dante (Italian Edition) di

Il luogo oscurissimo è dal VII al IX dell’inferno. E l’ora del tempo è mezzanotte. È mezzanotte quando il Poeta scende con Virgilio ?a maggior pieta’, mentre era vespro quando si ?apparecchiava a sostener la guerra Sì del cammino e sì della pietate’. Cadono le stelle e persuadono [2]il sonno: è l’ora che Enea, con voce che noi sentiamo risonare nei versi di Virgilio, grave e quasi velata, si fa...

Il fanciullino

Il fanciullino di

In questa serie di articoli pubblicati nel 1897, Pascoli tentò di esporre la sua teoria poetica attraverso la figura del "fanciullino", simbolo di tutto lo stupore infantile, di tutta l'ingenua fantasia e della curiosità dei nostri primi anni di vita: un periodo che può sopravvivere nell'età adulta e che costituisce la radice stessa della poesia.

Ai Medici Condotti

Ai Medici Condotti di

Ai Medici Condotti