Racconti umoristici (Introvabili)

Compra su Amazon

Racconti umoristici (Introvabili)
Autore
Anton Cechov
Editore
Edizioni E/o
Pubblicazione
01/01/1991
Categorie
Da questi racconti si potrebbe quasi trarre un prontuario di situazioni procedimenti tecniche del comico: l’equivoco il calembour lo scandalo la parodia la gag clownesca la caricatura ecc. ecc. Muovendo dall’aneddoto Cechov lo costella di altrettante situazioni dinamizza il racconto breve e lo sospinge a volte fino alla soglia del grottesco. L’attenzione sempre fissa sull’«infinitesimale sulle lesioni microscopiche dell’anima» creando personaggi tutti fatti della «stoffa comune dell’umanità» egli in fondo racconta un’intera società con i suoi tic le gerarchie le vanità le menzogne le frustrazioni il ridicolo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Anton Cechov

Zio Vanja

Zio Vanja di

Un altro spettacolare dramma in cui Čechov porta il lettore a riflettere sulle inquietudini e le ambizioni dei suoi personaggi, travolti da vicessitudini che, inesorabili, conducono taluni alla felicità, tal’altri a soccombere all’angoscia.Piccoli drammi personali legati insieme e sconvolti, come sempre, dall’amore, che con tempismo si presenta indesiderato a stendere su tutto un velo di tormen...

Dama con cagnolino

Dama con cagnolino di

«Un ozio perfetto, questi baci in mezzo al bianco del giorno, con circospezione e paura d’essere visti, il caldo, l’odore del mare e il continuo balenare davanti agli occhi di persone oziose, eleganti, sazie lo avevano come rigenerato».In certi passi la voracità e la golosità – l'oralità – vengono apertamente contrapposte ai sentimenti, come qui, dove al dramma dell'amore impossibile si sovrapp...

La steppa

La steppa di

La steppa è la storia di un lungo viaggio, che il piccolo Egòruska,mandato dalla madre a studiare in città, compie in partein calesse, insieme allo zio e a un anziano sacerdote, e in partesu un convoglio di carri colmi di balle di lana, in compagniadi un disomogeneo gruppo di contadini-mercanti.Un incedere lento attraverso la sterminata steppa ucraina, inapparenza monotona e immutabile, ma in r...

L’isola di Sachalin

L’isola di Sachalin di

«Per quanto si riferisce a me, non provo appagamento alcuno per il mio lavoro, perché lo trovo meschino» scriveva Čechov all'amico Suvorin nel 1888. «Se è ancor troppo presto per lamentarmi, non lo è mai abbastanza per domandarmi: mi occupo di una cosa seria o di sciocchezze?». Il viaggio che, armato solo del passaporto e di una tessera di corrispondente di «Novoe vremja», intraprenderà due...

Il giardino dei ciliegi (L'amareneto): versione filologica a cura di Bruno Osimo (traduzioni di Bruno Osimo Vol. 4)

Il giardino dei ciliegi (L'amareneto): versione filologica a cura di Bruno Osimo (traduzioni di Bruno Osimo Vol. 4) di

PostfazioneHo pensato di tradurre Il giardino dei ciliegi quando mi sono accorto che gli alberi in questione non sono ciliegi, ma amareni. Il dramma ruota intorno all'impoverimento della famiglia dovuto proprio al fatto che le amarene non sono trasportabili (e quindi commerciabili) a meno di sottoporle prima a procedimenti di conservazione (marinatura). Sono proprio i procedimenti che non sono ...

Il monaco nero

Il monaco nero di

La leggenda narra di un monaco vestito di nero che venne visto camminare nel deserto e, nello stesso momento, sulle acque di un lago. E poi in Africa, in Spagna, in India. Si dice che ogni mille anni il monaco torni ad apparire. Il professor Kovrin, stimato psicologo, sa bene che i mille anni stanno per trascorrere e a breve il monaco tornerà. Quello che non si aspetta è che compaia proprio dav...