Medea (Emozioni senza tempo)

Compra su Amazon

Medea (Emozioni senza tempo)
Autore
Euripide
Editore
Fermento
Pubblicazione
17 aprile 2015
Categorie
Una delle tragedie più famose di tutti i tempi, tra le opere più compiute di Euripide, è anche considerata il capolavoro del grande drammaturgo greco. La donna che, scoprendosi abbandonata dal marito Giasone, attua il proprio piano di vendetta uccidendo i propri figli e la futura sposa del consorte è una figura di enorme ispirazione per tutta l'arte successiva: non soltanto quella letteraria, ma anche quella figurativa. Da innovatore, Euripide scrive una tragedia nella quale, contrariamente all'uso dell'epoca, la figura degli dèi rimane in disparte: protagonista è l'uomo, artefice del destino proprio e dei propri figli, lasciando spazio alla straripante e scomoda figura di Medea, i cui stati d'animo sono talmente ampi e spesso in contrapposizione da essere ritenuta la prima protagonista nella storia a essere descritta da una prospettiva prettamente psicologica. Non esistendo una chiave di lettura univoca per questo personaggio, autori e registi di ogni epoca hanno provato a darne una loro visione. Ed è questo che rende assolutamente affascinante la lettura di queste pagine, ancora oggi senza tempo.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Euripide

Andromaca

Andromaca di

Andromaca è una tragedia di Euripide. Il personaggio principale è Andromaca, della quale viene narrata l'esistenza da prigioniera negli anni successivi alla guerra di Troia.Euripide (Atene, 485 a.C. – Pella, 407-406 a.C.) è stato un drammaturgo greco antico.È considerato, insieme ad Eschilo e Sofocle, uno dei maggiori poeti tragici greci.Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.

Elena

Elena di

Elena (Ἑλένη) è una tragedia di Euripide, rappresentata per la prima volta nel 412 a.C. L'opera è un esempio di tragicommedia che ruota attorno al gioco degli equivoci e in cui l'elemento tragico è meno importante.Euripide (Atene, 485 a.C. – Pella, 407-406 a.C.) è stato un drammaturgo greco antico.Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.

Le Troiane

Le Troiane di

Le troiane, o Le troadi (in greco antico: Τρώαδες), è una tragedia di Euripide, rappresentata per la prima volta nel 415 a.C., durante la guerra del Peloponneso.Euripide (Atene, 485 a.C. – Pella, 407-406 a.C.) è stato un drammaturgo greco antico.Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.

Ifigenìa in Àulide

Ifigenìa in Àulide di

"Ifigenìa in Àulide" è una tragedia di Euripide, scritta tra il 407 ed il 406 a.C., nel periodo che l'autore passò alla corte di Archelao, re di Macedonia, dove morì. Euripide (Atene, 485 a.C. – Pella, 407-406 a.C.) è stato un drammaturgo greco antico.Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.

Gli Eraclidi

Gli Eraclidi di

"Gli Eraclidi" è una tragedia di Euripide.Euripide (Atene, 485 a.C. – Pella, 407-406 a.C.) è stato un drammaturgo greco antico.È considerato, insieme ad Eschilo e Sofocle, uno dei maggiori poeti tragici greci.Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.

Alcesti

Alcesti di

Alcesti (in greco antico: Ἄλκηστις, Álkēstis) è una tragedia di Euripide, rappresentata probabilmente alle Dionisie del 438 a.C. (è la tragedia euripidea più antica giunta a noi).Euripide (Atene, 485 a.C. – Pella, 407-406 a.C.) è stato un drammaturgo greco antico.È considerato, insieme ad Eschilo e Sofocle, uno dei maggiori poeti tragici greci.Traduzione a cura di Ettore Romagnoli.