Zoologica: (d'animali e d'anime)

Compra su Amazon

Zoologica: (d'animali e d'anime)
Autore
Lorella Barlaam
Editore
Guaraldi
Pubblicazione
28 maggio 2014
Categorie
La domanda «cos’è un uomo?» nella nostra cultura implica la domanda «cos’è un animale?». Ma non è facile rispondere, senza cadere nel paradosso. Eppure i primi simboli furono animali e non è irragionevole supporre che fosse animale anche la prima metafora. Senza contare quanto per noi le cose si sono complicate da quando Darwin ci ha tolti dal centro del mondo vivente. Così che forse oggi la figura più appropriata per noi – esseri del tra – è il Tobia biblico, sempre in viaggio tra un Angelo e un cane.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Lorella Barlaam

Souvenir: (il brusio delle cose) (Antologieminime)

Souvenir: (il brusio delle cose) (Antologieminime) di

Che cosa è un Souvenir? Verrebbe facile liquidarlo tra le «buonecose di pessimo gusto».Eppure – come da etimologia – è lì a rappresentare tutte le cose che sub-veniunt, ci fan da spalla. Nella memoria, nell’identità, nel quotidiano. Acchiapparle, interpretarne il brusìo chiede un dis-correre, zigzagante qua e là, e di intessere una rete, larga di saperi originari. E non solo perché la riflessio...

Io, l'altro: (drammaturgie del doppio) (Antologieminime)

Io, l'altro: (drammaturgie del doppio) (Antologieminime) di

Il tema dello sdoppiamento, della scissione, della metamorfosi è una costante che attraversa epoche e culture, dando adito a infinite letture antropologiche e psicoanalitiche. La figura del doppio incarna la crisi dell’idea unitaria dell’Io e ossessiona da sempre la letteratura, così da diventare una formidabile macchina generatrice di racconti. Ma lo sdoppiamento non è forse il procedimento pr...

Giardini: il faut cultiver notre jardin (Antologieminime)

Giardini: il faut cultiver notre jardin (Antologieminime) di

Il giardino è luogo d’utopia e di scrittura. Che sia reale o narrato, in esso ciò che è naturale si piega al simbolico e si fa struttura. Per questo, coltivare un giardino è come scrivere, come leggere, a regola d’arte. Scegliere il tempo giusto per piantare; saper sfrondare le pagine che servono. Quelle di tutti i giardini in cui passeggerà il lettore di questa piccola antologia: giardini perd...