I racconti dei Fratelli Grimm

Quinto titolo della Kufferle: Antonio Gramsci, "I racconti dei Fratelli Grimm".volume che racchiude le traduzioni di alcune fiabe tratte dal celebre repertorio grimmiano che Antonio Gramsci realizzò durante la detenzione in carcere nei primi anni Trenta. Si tratta della prima pubblicazione autonoma di queste traduzioni, inizialmente escluse dall’edizione einaudiana dei Quaderni del carcere del 1975, quindi uscite in forma rimaneggiata al principio degli anni ’80 e finalmente ripristinate, nella loro forma originale, nell’edizione critica dei Quaderni, pubblicata dall’Istituto dell’Enciclopedia Italiana nel 2007, da cui sono tratti i testi del volume edito da Incontri.«Ho tradotto dal tedesco, per esercizio, una serie di novelline popolari proprio come quelle che ci piacevano tanto quando eravamo bambini». Con queste parole Gramsci, rinchiuso nel carcere di Turi, descrive al principio del 1932 alla sorella Teresina il progetto a cui ha lavorato a partire dal 1929.....

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Antonio Gramsci

Lettere dal carcere

Lettere dal carcere di

Lettere dal carcere è una raccolta postuma della corrispondenza intrattenuta da Antonio Gramsci coi propri familiari e amici durante il periodo della sua lunga detenzione nelle carceri italiane, deliberata dalla dittatura instaurata da Benito Mussolini.L'opera che conosciamo con questo titolo non coincise originariamente con tutte le lettere che Gramsci scrisse dal carcere durante la sua detenz...

L'albero del riccio

L'albero del riccio di

Antonio Gramsci, durante la sua detenzione, scrisse per i propri figli questa serie di racconti. Tra le tante storie avventurose che narrano di briganti e di animali, molte traggono ispirazione da fatti realmente accaduti. Completano il libro, alcune letture che il grande studioso suggeriva ai figli: racconti di Tolstoj, Puskin, Kipling, Dickens.

Una rosa che ho piantato: Lettere ai figli

Una rosa che ho piantato: Lettere ai figli di

Quando le Lettere dal carcere apparvero per la prima volta nel 1947, in una selezione curata personalmente da Palmiro Togliatti con Felice Platone, l’emozione fu grande. Un monumento umano e letterario, è stato definito questo corpus epistolare, “entrato a far parte della coscienza degli italiani”. Sono in questo volume raccolte le lettere che Gramsci scrisse ai figli Delio e Giuliano (spesso n...

Lettere dal carcere

Lettere dal carcere di

Le Lettere dal carcere sono una testimonianza umana e politica inarrivata nella storia della letteratura italiana. Si tratta della documentazione di una fatica intellettuale immane, per la quale Gramsci si spese pur minato nella salute dalle dure condizioni di detenzione nelle carceri fasciste.In queste lettere, scritte alle persone care, Gramsci si lascia andare a riflessioni di carattere stor...

Lettere dal carcere (Emozioni senza tempo)

Lettere dal carcere (Emozioni senza tempo) di

Imprigionato durante il regime fascista, Gramsci iniziò a scrivere nel 1926. Le Lettere sono una straordinaria autobiografia indiretta che hanno come destinatari la madre, Peppina Marcias, le sorelle, Teresina e Grazietta, e il fratello Carlo che viveva a Milano. La moglie Giulia Schucht, la cognata, Tatiana, i figli, Delio e Giuliano, e l'amico Piero Sraffa. All'interno - come in tutti i volum...

L'albero del riccio

L'albero del riccio di

L'albero del riccio raccoglie le lettere più intime che Gramsci inviò ai suoi cari dalle carceri fasciste. In queste pagine, specialmente nelle lettere indirizzate ai figli, dalla penna di Gramsci prendono vita magiche creature che popolano una Sardegna bella e terribile, animali d'ogni genere, ed ancora altre curiose invenzioni. Sono scritti a loro modo struggenti, che ci restituiscono l'immag...