Operette morali

Compra su Amazon

Operette morali
Autore
Giacomo Leopardi
Editore
MONDADORI
Pubblicazione
17 maggio 2014
Categorie
Le Operette morali , arduo libro di emblemi d'azione umane, resoconto di esplorazioni nel ghiaccio del sublime naturale, ci dicono che l'opera dell'uomo è innanzitutto un movimento all'interno dell'essere, cioè, per Leopardi, della natura stessa. Se la natura persegue ciecamente i suoi fini, l'uomo, che ha cuore e occhi, deve sottrarre all'oscurità e al silenzio il proprio passare e renderlo opera. Chi opera è simile a Copernico, non ai suoi avversari, che vanno "raziocinando a rovescio, e argomentando in dispetto della evidenza delle cose"; chi opera non sogna, ma vede e sente le cose. Al contrario di filosofi e teologi e, nel suo secolo, progressisti e spiritualisti, Leopardi lascia da parte le "cose intorno alle quali si ha pochissimo lume", cioè la metafisica, e fissa lo sguardo sulle cose che appaiono. Erede della "saggezza" di Guicciardini e dell'insofferenza galileiana al principio di autorità, oppone ai "sogni fisici" - i miti cosmologici di Platone, ad esempio - il suo poetico empirismo."

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giacomo Leopardi

Memorie del primo amore (Prometheus Classics)(Indice attivo)

Memorie del primo amore (Prometheus Classics)(Indice attivo) di

Questo libro contiene ora diversi sommari HTML che renderanno la lettura un vero piacere!Nel 1817 un avvenimento colpì profondamente Leopardi: l'incontro, nel dicembre dello stesso anno, con Geltrude Cassi Lazzari, una cugina di Monaldo, che fu ospite presso la famiglia per alcuni giorni e per la quale provò un amore inespresso. Scrisse in questa occasione il "Diario del primo amore".

Amor là nel profondo

Amor là nel profondo di

«Straziato nel corpo, deriso tanto a Recanati quanto a Napoli, rovinato nell’infanzia da un padre fanatico e una madre spettralmente devota, isolato dagli intellettuali che aveva frequentato[…], Leopardi gonfia il petto e parla alla luna, parla all’infinito, parla a quelli di casa sua. Insegna anche a noi a parlar ea loro, all'immensità, a non sentire assoluta la nostra solitudine. Dolore, cert...

Operette morali con i Pensieri in appendice (I Grandi Classici Multimediali Vol. 11)

Operette morali con i Pensieri in appendice (I Grandi Classici Multimediali Vol. 11) di

Non è facile seguire il percorso elaborativo dell’autore nella stesura delle Operette; ed è proprio questo che la presente edizione ha cercato di fare grazie alle eccezionali potenzialità della rete. Accanto al commento tradizionale esplicativo, dove le note chiariscono la comprensione del testo, si è cercato di far risaltare le straordinarie conoscenze di Leopardi e il gioco di rielaborazione ...

Zibaldone: Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura

Zibaldone: Pensieri di varia filosofia e di bella letteratura di

Oggidì le menti superiori hanno questa proprietà che sono facilissime a concepire illusioni, e facilissime e prontissime a perderle (parlo anche delle illusioni della giornata): a concepirle, per la molta forza dell'immaginazione: a perderle, per la molta forza della ragione. (26 Giugno 1820).Passano anni interi senza che noi proviamo un piacer vivo, anzi una sensazione pur momentanea di piacer...

Canti: Edizione illustrata

Canti: Edizione illustrata di

A me non rideL’aprico margo, e dall’eterea portaIl mattutino albor; me non il cantoDe’ colorati augelli, e non de’ faggiIl murmure saluta: e dove all’ombraDegl’inchinati salici dispiegaCandido rivo il puro seno, al mioLubrico piè le flessuose linfeDisdegnando sottragge,E preme in fuga l’odorate spiagge.Qual fallo mai, qual sì nefando eccessoMacchiommi anzi il natale, onde sì torvoIl ciel mi fos...

Operette Morali: Edizione illustrata

Operette Morali: Edizione illustrata di

Cotesto medesimo odo ragionare a tutti i filosofi. Ma poiché quel che è distrutto, patisce; e quel che distrugge, non gode, e a poco andare è distrutto medesimamente; dimmi quello che nessun filosofo mi sa dire: a chi piace o a chi giova cotesta vita infelicissima dell'universo, conservata con danno e con morte di tutte le cose che lo compongono?G. Leopardi, Dialogo della Natura e di un Islandese