Di tutto resta un poco: Letteratura e cinema (Le comete)

Di tutto resta un poco è il libro a cui Antonio Tabucchi ha lavorato, fino all’ultimo, in prima persona, malgrado la malattia e da dentro la malattia, condividendo ogni dettaglio con la curatrice e la casa editrice. È una raccolta di scritti meditata, appassionante, che prende le mosse da un memorabile “elogio della letteratura”, di una letteratura capace di “ficcare il naso dove cominciano gli omissis”. È inevitabile che, a partire da lì, dalla responsabilità delle parole per arrivare alla consolazione della bellezza, Antonio Tabucchi tocchi i temi più cari e insieme ai temi le opere e gli uomini (spesso amici) che lo hanno accompagnato. Ci sono gli autori frequentati con l’assiduità dello studioso (Pessoa e Drummond de Andrade, Kipling e Borges, Cortázar e Primo Levi), quelli sondati dalla veemenza della consuetudine (Daniele Del Giudice, Norman Manea, Enrique Vila-Matas, Mario Vargas Llosa e Tadahiko Wada), quelli più giovani, illuminati da una lungimiranza severa e affettuosa. E poi ci sono meravigliose pagine sul cinema, che tengono insieme il lirico omaggio alle ali di farfalla di Marilyn Monroe e la penetrante analisi della gag sovversiva di Almodóvar. Di tutto resta un poco fa certamente parte di un lascito fondamentale, ma è anche un libro che accende l’intelligenza, la curiosità, gli entusiasmi, come ci trovassimo di fronte alla mappa di un territorio che finalmente possiamo visitare, con la complicità e la guida dello scrittore che lo ha abitato, che lo ha costruito, che lo ha custodito per noi.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Antonio Tabucchi

Sostiene Pereira: Una testimonianza

Sostiene Pereira: Una testimonianza di

Lisbona, un fatidico agosto del 1938, la solitudine, il sogno, la coscienza di vivere e di scegliere, dentro la Storia.Un grande romanzo civile. Due premi nazionali come il Viareggio-Repaci e il Campiello e il Prix Européen Jean Monnet. Ventidue traduzioni all’estero. Una memorabile interpretazione cinematografica di Marcello Mastroianni.Una storia che continua a suscitare il fascino e la merav...

Irma Sirena

Irma Sirena di

Il primo racconto scritto da Antonio Tabucchi rappresenta perfettamente quella che era per l’autore l’ambigua dimensione dell’infanzia, “che spia il mondo degli adulti e cerca di imitarlo, senza comprenderlo”.Già pubblicato da Feltrinelli nel 1980 nella raccolta "L’Astromostro" (a cura di Antonio Porta), viene ora riproposto in un’elegante edizione cartonata e illustrata. Vi si narra la storia ...

Un baule pieno di gente (nuova edizione): Scritti su Fernando Pessoa

Un baule pieno di gente (nuova edizione): Scritti su Fernando Pessoa di

“Sembra quasi pleonastico dire che nell’immenso e misterioso Libro che Pessoa ci ha lasciato il centro più riposto, e certo il più imperioso, è l’eteronimia. Eteronimia intesa non tanto come metaforico camerino di teatro in cui l’attore Pessoa si nasconde per assumere i suoi travestimenti letterario-stilistici; ma proprio come zona franca, come linea magica varcando la quale Pessoa diventa un ‘...

Per Isabel: Un mandala

Per Isabel: Un mandala di

“L’importante è cercare, non importa se si trova o non si trova”Come definire una storia come questa? A prima vista potrebbe sembrare un romanzo fantastico, ma forse sfugge a ogni possibile definizione. Tabucchi l’ha sottotitolato “Un mandala”, ma a ben vedere, con criteri tutti occidentali, si tratta in fin dei conti di un’inchiesta, una ricerca che sembra condotta da un Philip Marlowe metafis...

E finalmente arrivò il settembre

E finalmente arrivò il settembre di

Nell’assolato Portogallo della dittatura e delle guerre per le colonie d’oltremare, un drappello di studenti di linguistica, a bordo di un pulmino della Croce Rossa portoghese, parte per le zone più remote del paese. Obiettivo, raccogliere le parole da uomini e donne e bambini che abitino ancora in zone dalla lingua incontaminata. Perché “della lingua possono fare dizionari, glossari, grammatic...

Tristano muore: Una vita

Tristano muore: Una vita di

Un'estate torrida in una vecchia casa toscana. Fuori è l'agostoimmobile, "incrinato soltanto dalle cicale impazzite". Dalle finestresi vedono le antiche torri, tremolanti nella calura. Qui Tristano vive la sualunga agonia: una cancrena gli divora una gamba, i dolori sono lancinanti, lamalattia si estende a tutto il corpo. Lo assiste la vecchia Frau, vecchia edispettosa, la stessa Frau che, quan...