De profundis

Il De profundis è un romanzo-saggio di Salvatore Satta concepito negli anni conclusivi della Seconda Guerra Mondiale, quando da poco è trascorso l'8 di settembre 1943, giorno della resa del paese agli anglo-americani epigrafato dall'autore come «la morte della patria» che porterà alla fuga del re e di Badoglio, ai fiumi di sangue versati dai patrioti di Cefalonia e delle famigerate "quattro giornate" napoletane. Questo è l'humus, la tragedia della guerra, l'umiliazione che spinge Satta ad intonare il canto funebre De profundis clamavi ad te, Domine per la morte di tutte le cose, in uno straziante cordoglio che va aldilà della comprensione e della pietà dei suoi compratrioti per un defunto passato ed un defunto regime a cui essi, per primi, avevano aderito. Come i classici "veri" il De profundis non nasce grande ma lo diventa, e ancora questa volta il nome del giurista-scrittore si è affiancato, con la discrezione e la pregnanza che gli erano consone e che oggi mancano, alle più alte riflessioni sul concetto di Patria e, in generale, sul senso della Patria italiana nella storia, nella "sua" storia. Un monito a non dimenticare...
www.ilisso.it

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Salvatore Satta

De profundis (Piccola biblioteca Adelphi Vol. 95)

De profundis (Piccola biblioteca Adelphi Vol. 95) di

Fra il giugno 1944 e l’aprile 1945, rifugiato in una casa di famiglia nel basso Friuli, Satta scrisse queste pagine, cariche di sarcasmo e profonda amarezza, nel tentativo di risalire a certe ragioni nascoste della paradossale, atroce storia italiana dei vent’anni precedenti. E subito si poneva due domande inevitabili: perché gli italiani avevano accettato, e nella stragrande maggioranza sosten...