L'edera

Paradigmatico fin dalla formulazione del titolo, L'edera è la storia di un attaccamento totale: quello di Annesa, una Lady Macbeth assassina per amore, ma più di lei nobile, incapace com'è di nascondere la colpa dietro lo scudo dell'indulgenza, verso Paulu, «un personaggio in transito», un doppio a metà tra autoctono e forestiero. Di nuovo il risultato di un modello letterario, produzione deleddiana originale, a cui nessuno mai ha potuto sottrarsi.
www.ilisso.it

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Grazia Deledda

CANNE AL VENTO: CLASSICI ITALIANI LA RACCOLTA 5/100

CANNE AL VENTO: CLASSICI ITALIANI LA RACCOLTA 5/100 di

La vita degli esseri umani è come il vento tra le canne. Un capolavoro dell'unica donna italiana premio Nobel per la letteratura. Un libro intenso, breve, da leggere tutto d'un fiato. Come un sorso di vita nel vento.

Il nonno

Il nonno di

Comprende dodici testi pubblicati negli anni che vanno dal 1899 al 1908. La raccolta appare disomogenea e i vari testi si differenziano fra loro nell’impostazione, nei procedimenti narrativi, nei temi e nell’ambientazione. Per esempio, c’è l’alternanza di ambientazione sarda a contesti continentali.Le novelle documentano una fase di passaggio, dove la fonte principale di ispirazione rimane la S...

Il vecchio e i fanciulli

Il vecchio e i fanciulli di

Il titolo rimanda al rapporto tra il vecchio Ulpiano Melis, ricco pastore, e i fanciulli che in realtà sono degli adolescenti: la nipote Francesca di 15 anni e il servo pastore Luca di 16. La vicenda si svolge nella Sardegna del ’15-’18.La storia è dipanata in un anno e mezzo in cui Ulpiano Melis e la sua famiglia affrontano l’alternarsi di sentimenti quali il rancore, l’odio, l’amore e la pass...

A Sinistra

A Sinistra di

A Sinistra di Grazia Deledda

Elias Portolu

Elias Portolu di

Elias Portolu di Grazia Deledda

Il flauto nel bosco

Il flauto nel bosco di

La raccolta, opera di Grazia Deledda, Premio Nobel per la letteratura, comprende novelle ambientate tra la Sardegna e i luoghi di villeggiatura preferiti dalla scrittrice, in particolare la costa romagnola. In altre novelle figura una Roma insolita, di periferia, animata da un firmamento tessuto da personaggi così reali da apparire archetipi fiabeschi.