L'Armata d'Italia (e-Meridiani Mondadori)

Compra su Amazon

L'Armata d'Italia (e-Meridiani Mondadori)
Autore
Gabriele D'Annunzio
Editore
MONDADORI
Pubblicazione
27 febbraio 2013
Categorie
Notizia sul testo e Note di commento a cura di Andrea Possieri. Cronologia della vita di Gabriele d'Annunzio a cura di Annamaria Andreoli. Nell'ebook si ripropone il testo di L'Armata d'Italia raccolto nelle Prose di ricerca (a cura di Annamaria Andreoli e Giorgio Zanetti, "I Meridiani", Mondadori, Milano 2005, 2 tomi), titolo sotto il quale Gabriele d'Annunzio ha raccolto un insieme molto eterogeneo di opere di carattere autobiografico e saggistico per farne il proprio testamento spirituale. Gli apparati informativi riproducono quelli pubblicati nell'edizione dei "Meridiani". Il libro raccoglie una serie di articoli polemici - il destinatario aperto è l'ammiraglio e ministro Benedetto Brin - usciti sulla "Tribuna" dal 27 maggio al 6 luglio 1888 e poi raccolti in volume lo stesso anno con il titolo L'Armata d'Italia, dove per "armata", secondo l'uso del tempo, è da intendersi "flotta"; oggetto degli scritti è infatti la Marina Militare, di cui d'Annunzio chiede il potenziamento e una migliore organizzazione. L'occasione che trasforma d'Annunzio da giornalista mondano in giornalista militare è una crociera compiuta nel 1887 a bordo dello yacht dell'amico Adolfo de Bosis con l'amante e musa di allora, Barbara Leoni, crociera che si trasforma in una disavventura in seguito alla quale i passeggeri devono essere tratti in salvo da una corazzata della Marina Militare: è proprio dai colloqui con gli ufficiali della corazzata, con i quali d'Annunzio approfondisce i problemi della Marina, che hanno origine gli scritti che compongono il volume.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Gabriele d'Annunzio

L'innocente

L'innocente di

L'innocente (1892) pone al centro della trama l'amore ormai irrimediabilmente compromesso tra due coniugi e il loro assurdo tentativo di ritrovare una serenità di coppia.Vittima, innocente appunto, della vicenda è un neonato frutto di una relazione extra coniugale avuta dalla moglie come risposta ai ripetuti tradimenti del marito. La cifra stilistica più che legata al decadentismo ci appare int...

Il fastello della mirra (Dannunziana)

Il fastello della mirra (Dannunziana) di

L'autobiografia di uno dei protagonisti più contestati, amati e detestati della letteratura italiana del Novecento.Dannunziana è la nuova collana di studi nata con l'intento di analizzare a 360°, a ottant'anni dalla sua scomparsa, la figura, il pensiero e le opere di una delle icone imprescindibili che la scrittura letteraria del secolo scorso ci abbia mai regalato: Gabriele d'Annunzio. E Il fa...

L'innocente (indice attivo)

L'innocente (indice attivo) di

Questo libro contiene ora diversi sommari HTML che renderanno la lettura un vero piacere!L'innocente è un romanzo scritto da Gabriele D'Annunzio nel 1892. È il secondo dei Romanzi della Rosa, con Il piacere e Il trionfo della morte.La narrazione è in prima persona ed inizia con una confessione del protagonista ai lettori, non ai giudici, ad un anno dal delitto. Non si tratta di un pentimento si...

Il trionfo della morte (indice attivo)

Il trionfo della morte (indice attivo) di

Questo libro contiene ora diversi sommari HTML che renderanno la lettura un vero piacere!Esempio di romanzo psicologico, nel quale la trama e l'intreccio cedono il posto all'introspezione della coscienza del protagonista, Giorgio Aurispa, nella cui mente si svolge l'intera vicenda romanzesca. Il romanzo, che apre con un passo dell'Al di là del bene e del male di Friedrich Nietzsche nell'esergo,...

San Pantaleone

San Pantaleone di

San Pantaleone by Gabriele D'Annunzio

Il Piacere (Gabriele D'Annunzio Vol. 2)

Il Piacere (Gabriele D'Annunzio Vol. 2) di

Gabriele D’annunzio, Il PiacereIo vi amo come nessuna parola umana potrà mai esprimere. Ho bisogno di voi. Voi soltanto siete vera; voi siete la Verità che il mio spirito cerca. Il resto è vano; il resto è nulla. da "Il piacere" di Gabriele D'Annunzio