IL CANTO DELLE RADICI

Un'opera che ciascuno nel mondo dovrebbe scrivere al proprio Paese.
Una lettera d'amore all'Italia da parte di chi l'Italia l'ha lasciata a più riprese e la vive sia dall'esterno che dall'interno. Un ritratto eseguito dopo aver preso la distanza giusta dall'oggetto da disegnare. "Da Città del Messico possiamo vedere il Popocatepetl. Dal Popocatepetl, non lo possiamo vedere", dice Alejandro Jodorowsky a Ejio Takata.
Una lettera lirica che in una trentina di pagine riassume l'offerta dell'autrice alla propria madre-terra. Si può leggere in una mezz'ora, si può ricordare per sempre.

Un estratto:
"Può la mia piccola voce di espatriata a puntate avere ancora un senso per te? Sei sempre stata così generosa e forte, così fiera e così fertile. Danzi nell’abbondanza incurante di tutte le nostre ingiurie, anche quando non si tratta di abbondanza di denari, ma di risa e canti, di vino e grano, di storie, di scambi.

La via per ritornare a ciò che si aveva già è lunga e tortuosa, ma è nobile. Senza di essa non avremmo la consapevolezza. Senza la consapevolezza non avremmo niente, nemmeno te. Non esistono scorciatoie. Che sia tramite l’esilio scelto, fuori o persino dentro di te, o che sia tramite la delusione cocente di una delle tante che abbiamo saputo confezionarci incolpando te, si tratta comunque di un viaggio lungo e duro. Oggi scendo sotto il livello in cui non avevo mai osato, là dove sotto le farfalle scorrazzano i vermi, che superficialmente spesso accostiamo a un’idea di morte, mentre stanno alle radici della vita. Oggi scendo su per le tue montagne, mi arrampico sotto la terra, salgo giù per i tuoi pozzi antichi, raccolgo le leggende i cui narratori si stanno estinguendo, lungo i tuoi fiumi. Oggi passeggio nei tuoi arcipelaghi, compaio sui tuoi scogli sotto una rupe, nel mare turchese, sui colli soffocati di girasoli, nei boschi dei lupi, delle volpi e dei cinghiali. Quanto puoi essere? Quanti abiti indossi, pur sotto un unico nome? Quanti dialetti conosci, di quante etnie ti sei fatta grande, quante mentalità racchiudi, quanti ladri e quanti artisti, quanti tenori e quanti emigrati ed emigranti narrano della fata morgana del tuo segno per il mondo?"

"Madre, matrice, ammirata diva. Musa per letterati viscerali. Sei imperi antichi, sei tempi oscuri, sei ciclico Rinascimento. Sei malavita, danze da cortile, donne prosperose, farabutti e maschere, pittori e pirati, scultori e massaie, sei mille forme di pane e mille inclinazioni verso il mare. Comunque ti si rigiri tu ritorni al mare.

Volubile, selvatica, estrosa innominabile. Non voglio fare letteratura, voglio fare l’amore. Ho tante domande per te. Da troppi anni avevo rinunciato alla fede in una risposta. Per esempio: posso amarti anche quando non ti capisco? Lo sai quanti della mia generazione hanno rinunciato ad amarti solo per l’eccessiva complessità delle nostre trame politiche e per la scelta di rifugiarsi nella sfiducia? A volte ho avuto il sospetto che ci avessero complicato tanto il piatto da non poterci più gustare nemmeno il pane. Come se ci fosse stato tolto il diritto di ritornare a te e di cantarti, persino il diritto di sentire, se non riuscivamo ad attraversare con la nostra comprensione le quinte dei potenti" [...]

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Sonia Serravalli

PALO QUATTRO -  L'amore abusivo: L'amore abusivo

PALO QUATTRO - L'amore abusivo: L'amore abusivo di

Palo Quattro è la storia di un abusive love, di un falso amore, un amore abusivo, che si spaccia per sentimento esclusivo mentre deruba la sua preda, lentamente, di tutta la sua energia. È la storia di Peter e Mari, di una radio dei sogni aperta in un luogo paradisiaco da anime libere, di una relazione travolgente che si svolge tra il Marocco, l'Italia e la Germania, apparentemente attorniata d...

ATTRAVERSO IL MONDO: per tornare a me

ATTRAVERSO IL MONDO: per tornare a me di

HIM - Un tuffo nel "lui" universale, laddove si scrive in trance, si scrive per sondare il proprio dolore, si scrive per sondare l'ignoto. PERPLESSITA' DEL MONDO - Un viaggio per il mondo che è viaggio dentro di sé, sorpresa, guerra e meraviglia, fondali del sé e degli svariati Paesi e sempre il "filo azzurro" di una natura incontaminata fonte di estasi e poesia. DI RISCOSSE E DI LUCE - Il filo...

L'oro di Dahab: Creando ponti

L'oro di Dahab: Creando ponti di

Un’intensa storia d’amore nata da un attentato. Una relazione che origina riflessioni, ricerche spasmodiche all’inseguimento di un ponte tra due diversi credo, perché l’amore non si rassegna all’idea della divisione. Che si fa specchio di ciò che a livello macro sta avvenendo in Italia, negli stessi anni.Sinai. Egitto. L’Oro Di Dahab non fa sconti a nessuno e riesce a trascinare il lettore dire...

C'E' CHI DICE NO: Una lettura positiva della crisi e un nuovo lavoro  attraverso la libertà creativa

C'E' CHI DICE NO: Una lettura positiva della crisi e un nuovo lavoro attraverso la libertà creativa di

Dalla prefazione di Simone Perotti:" “C’è chi dice no” è il secondo libro italiano a uscire sul tema del downshifting scritto da chi il downshifting l’ha visto, vissuto, capito, interpretato. Vi sono infatti numerosi testi sul tema, scritti da esperti, da giornalisti, da viaggiatori, da sabbatici, e via così. Sono tutti in certo qual modo interessanti, anche se mancano del sapore della verdura ...

NOVE ANNI IN SINAI

NOVE ANNI IN SINAI di

Incominciai a scrivere questa storia nella seconda metà dei miei “nove anni in Sinai”. La prima metà è stata documentata dalle mie pubblicazioni precedenti (“L’oro di Dahab” e “Se baci la rivoluzione”), dalla rubrica “Sempre per te scriverò”, online su Sesto Daily News e dal mio blog sulla rivoluzione egiziana (rivoluzionando.wordpress.com) in cui si dispiega passo a passo la mia crescita qui e...

Diario di Londra

Diario di Londra di

Arrivai a Londra una sera di marzo, dopo tanti anni nel Sinai egiziano. La situazione sia politica, sia sociale che lavorativa in Egitto aveva creato in me in un crescendo un senso d’allarme che mi aveva portata infine a saltare via, letteralmente, come un tappo da una bottiglia, per porti più sicuri e più umani. Tali almeno credevo essi fossero. Il mio paese, l’Italia, allora non l’avevo neanc...