Per chi suona la banana: Il suicidio dell'Unione Brancaleone e l'eterno ritorno di Al Tappone (Garzanti Saggi)

Compra su Amazon

Per chi suona la banana: Il suicidio dell'Unione Brancaleone e l'eterno ritorno di Al Tappone (Garzanti Saggi)
Autore
Marco Travaglio
Editore
Garzanti
Pubblicazione
16 ottobre 2010
Categorie
Si parte dal marzo del 2007, quando ancora la rubrica di Marco Travaglio sull’«Unità» si chiamava Uliwood Party: governava, traballando, Romano Prodi. Si arriva al settembre del 2008: la rubrica si chiama Ora d’aria e sgoverna, anzi risgoverna Silvio Berlusconi, riesumato e rianimato dagli errori del centrosinistra.

Per chi suona la banana racconta con graffiante puntiglio e feroce amore per la verità i dodici mesi finali dell’Unione Brancaleone e i primi sei del Berlusconi III. Con cadenza pressoché quotidiana, Travaglio registra fatti e dichiarazioni del teatrino politico-mediatico, richiama i suoi protagonisti alle loro dichiarazioni (dove troppo spesso latitano coerenza e logica), denuncia storture e stupidaggini. È la pratica di un giornalismo che ha come linee guida la libertà e l’indipendenza – e infatti gli strali colpiscono imparzialmente a destra e a sinistra. Si tratta in primo luogo di informare, dando spazio anche alle notizie che un’informazione addomesticata cerca di far sparire, riportando alla memoria il passato e creando nessi illuminanti tra fatti e frasi in apparenza distanti. Un giornalismo di questo genere assume così un compito di controllo e verifica nei confronti dei Palazzi, un ruolo fondamentale per il buon funzionamento di ogni democrazia.

Per chi suona la banana, come gli altri libri di Marco Travaglio, finisce dunque per portare alla luce alcune delle dinamiche profonde – e a volte desolanti – della recente storia patria. Solo da qui, tuttavia, solo acquisendo consapevolezza di difetti e storture, è possibile iniziare a cambiare, immaginare un paese e una politica diversi. Chi preferisce il pessimismo all’utopia può invece provare a ipotizzare, partendo da queste pagine, la prossima tappa del degrado.

Ma intanto questo paese e questa politica, così come li racconta Travaglio, sono spesso (purtroppo!) più divertenti delle gag di molti cabarettisti.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Marco Travaglio

L'amico degli amici (Futuropassato)

L'amico degli amici (Futuropassato) di

È la prima volta che si dice ufficialmente che un politico è “al servizio di Cosa Nostra”. Una sentenza talmente grave che avrebbe dovuto sconvolgere l’intero quadro politico. E quello finanziario. Avrebbe dovuto far reagire qualcuno. È successo il contrario. Molti hanno rinnovato la fiducia a Dell’Utri, a cominciare dal suo partito (Forza Italia) e dal presidente del Consiglio.Un processo di c...

Bananas (Garzanti Saggi)

Bananas (Garzanti Saggi) di

La lettura dei pezzi che quotidianamente Marco Travaglio pubblica nella sua rubrica sull’«Unità» è stupefacente: neppure il più fantasioso dei romanzieri potrebbe immaginare alcuni eventi della recente cronaca politico-giudiziaria. Oltretutto molti dei protagonisti del teatrino mediatico nostrano paiono avere una straordinaria capacità di cambiare parere e opinione a seconda delle circostanze, ...

Inciucio (BUR FUTUROPASSATO)

Inciucio (BUR FUTUROPASSATO) di

L’“inciucio” compie dieci anni. Il primo a parlarne fu Massimo D’Alema, nel 1995. Poi, in sei anni di governo, il centrosinistra evitò di risolvere il conflitto d’interessi e di liberalizzare il mercato televisivo. Risultato: informazione taroccata modello Tg1 e niente satira politica.Dopo Regime, questo libro racconta le acrobazie parlamentari dei nemici-amici del Cavaliere e le spartizioni “b...

Montanelli e il Cavaliere (Garzanti Saggi)

Montanelli e il Cavaliere (Garzanti Saggi) di

8 gennaio 1994: Silvio Berlusconi, che da qualche mese ha deciso di invadere l’arena politica, irrompe nell’assemblea dei redattori del «Giornale». È il culmine del durissimo scontro con Indro Montanelli, che a quel punto è costretto ad abbandonare il quotidiano che egli stesso ha fondato vent’anni prima.Partendo da questo episodio, dai suoi retroscena, dai suoi risvolti e dalle sue conseguenze...