Bisogna avere i coglioni per prenderlo in culo (Contemporanea)

Compra su Amazon

Bisogna avere i coglioni per prenderlo in culo (Contemporanea)
Autore
Aldo Busi
Editore
BUR
Pubblicazione
12 marzo 2015
Categorie
Un diario, un atipico romanzo, sicuramente un viaggio, solitario, turistico, sessuale, d’esilio, da Capri a Itaca, dall’Irlanda a Salonicco, dagli slum di Johannesburg al lusso di New York fino al promontorio di Sant’Elena, attraverso isole, istmi e penisole celebri, ignote, disperse. Al centro il Busi-scrittore che come tale è perseguitato da un’affamata insonnia che gli stimola un’incessante bisogno di osservare, sperimentare e riflettere su sesso, solitudine, solidarietà. Attorno, un’infiorescenza di personaggi che vivono isolati gli uni dagli altri in totale rassegnazione, a costruire la propria gabbia e piramide, dai pochi eletti in cima agli esclusi sul fondo, qualsiasi sia la loro lingua o il colore della pelle.
Un libro sorprendente e fuori da qualunque schema, che stupisce per la fresca invenzione linguistica, per l’amara ironia, per l’attacco feroce a ogni perbenismo.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Aldo Busi

L'altra mammella delle vacche amiche (Romanzi e racconti)

L'altra mammella delle vacche amiche (Romanzi e racconti) di

Sapendo di non avere nessuno da cui copiare, stavolta Aldo Busi ha deciso di plagiare se stesso. Ma L’altra mammella delle vacche amiche non è affatto il riciclo di Vacche amiche e nemmeno il suo seguito o la sua riscrittura: ne è lo sradicamento finale in forma di romanzo, il salto mortale della letteratura dalla padella della sessualità, umana a parole e maialesca nei fatti, alla brace...

Sodomie in corpo 11 (Contemporanea)

Sodomie in corpo 11 (Contemporanea) di

Un libro-mondo e una storia d’amore, un reportage sulla condizione umana, una caccia al grottesco lungo autostrade, in pizzerie, alberghi, saune, spiagge, treni, capanne, ospedali, accoppiamenti. Dal Marocco alla Tunisia, dalla Germania alla Finlandia a Leningrado, questo non romanzo di non viaggio e non sesso èun esempio lampante della maestria letteraria di Aldo Busi: ricco di un’ironia...

Il Novellino (Grandi classici)

Il Novellino (Grandi classici) di

Beffe ingegnose e frasi argute, storie mitiche e incontri amorosi: Il Novellino, composto nella Firenze di fine Duecento da un autore sconosciuto, è una raccolta di novelle vivaci e spiritose che vedono protagonisti personaggi della più varia origine, eroi della storia antica e cavalieri medievali, mercanti e uomini di Chiesa. Considerato una vera e propria summa narrativa dell’età...

Vacche amiche: (un'autobiografia non autorizzata) (Romanzi e racconti)

Vacche amiche: (un'autobiografia non autorizzata) (Romanzi e racconti) di

Chi altri avrebbe osato scrivere la sua “autobiografia non autorizzata”, offrendola spericolatamente in pasto al mondo in una lingua affabulatoria, epigrammatica, sincopata, di un’eleganza senza pari e di un’oscenità scatenata e al contempo scanzonata? Aldo Busi compie qui un viaggio che riconduce al punto di partenza, secondo un percorso circolare nel quale nulla accade perché tutto...

La camicia di Hanta (Contemporanea)

La camicia di Hanta (Contemporanea) di

Un diario di viaggio, un viaggio in Madagascar, lungo le false piste turistiche, a snidare le bellezze più autentiche, allontanandosi dai miraggi di plastica con cui le guide tentano, in questo caso invano, di nasconderne le immagini più vere. Che a volte, sì, sono anche le più scolorate. Nella scrittura unica di Aldo Busi questo procedere è uno scivolare di parola in parola tra i colori...

Un cuore di troppo (Contemporanea)

Un cuore di troppo (Contemporanea) di

Un centro antistress di lusso, dove industriali e donne dell’alta società vengono per recuperare il sonno e la forma fisica perduti: qui un uomo si innamora di un uomo sposato e l’anno dopo, sempre qui, racconta a un terzo la sua passata passione e la sua delusione. Ma da un ottobre all’altro, entrambi sono gli uomini sbagliati: il primo, di cui innamorarsi, il secondo, a cui raccontare...