Uno, nessuno e centomila

Il titolo del romanzo è una chiave di lettura per comprenderlo fino in fondo, infatti quella di Vitangelo Moscarda è la storia di una consapevolezza che si va man mano formando: la consapevolezza che l'uomo non è Uno, e che la realtà non è oggettiva. Il protagonista passa dal considerarsi unico per tutti (Uno, appunto) a concepire che egli è un nulla (Nessuno), attraverso la presa di coscienza dei diversi se stesso che via via diventa nel suo rapporto con gli altri (Centomila). In questo modo la realtà perde la sua oggettività e si sgretola nell'infinito vortice del relativismo.


Nel suo tentativo di distruggere i centomila estranei che vivono negli altri, le centomila concezioni che gli altri hanno di lui, viene preso per pazzo dalla gente, che non vuole accettare che il mondo sia diverso da come lo immagina. Vitangelo Moscarda è il "forestiere della vita", colui che ha capito che le persone sono "schiave" degli altri e di se stesse. Egli vede gli altri vivere in questa trappola, ma neanche lui ne è completamente libero: il fatto che la gente l'abbia preso per pazzo è la dimostrazione che non è possibile distruggere le centomila immagini, a lui estranee, che gli altri hanno di lui. È possibile solo farle impazzire.

La fine del romanzo è molto profonda, conclusione degna per un'opera di questa portata. Il rifiuto totale della persona comporta la frantumazione dell'io, perché esso si dissolve completamente nella natura. Pieno di significati è il rifiuto del nome, che falsifica ed imprigiona la realtà in forme immutabili, quasi come un'epigrafe funeraria. Al contrario della vita, che è un divenire perenne, secondo la concezione vitalistica di Pirandello.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Luigi Pirandello

I vecchi e i giovani (i grandi romanzi BUR)

I vecchi e i giovani (i grandi romanzi BUR) di

Dopo lo scandalo della Banca Romana e la repressione nel sangue dei Fasci siciliani, Pirandello scrive il suo unico romanzo storico, doloroso omaggio alla sicilianitudine, ma soprattutto congedo dall'epopea di Garibaldi, dal Risorgimento e dai sogni della sua giovinezza. Ad animare le vicende del romanzo, che rappresenta l'opera più vasta e complessa di Pirandello, sono aristocratici ancora bor...

L'esclusa (eNewton Classici)

L'esclusa (eNewton Classici) di

Introduzione e cura di Sergio CampaillaEdizione integraleSorpresa dal marito a leggere la lettera di un uomo, le cui profferte amorose aveva in realtà sempre respinto, Marta Ajala, la protagonista di questo romanzo, il primo scritto da Pirandello, è cacciata da casa innocente. Esclusa dalla società in cui vive per avere perso il ruolo che le era stato assegnato, un ruolo di moglie sottomessa e ...

Questa sera si recita a soggetto - Ciascuno a suo modo (eNewton Classici)

Questa sera si recita a soggetto - Ciascuno a suo modo (eNewton Classici) di

Introduzione di Sergio Campailla. Premesse di Fulvio Abbate e Italo Borzi. Edizioni integrali. Con i due drammi qui presentati, Pirandello porta a compimento la trilogia del “teatro nel teatro” iniziata con Sei personaggi in cerca d’autore. In Questa sera si recita a soggetto, che ebbe una prima a Könisberg nel gennaio del 1930 e una prima italiana a Torino nell’aprile dello stesso anno, un reg...

L'uomo dal fiore in bocca. All'uscita (Biblioteca italiana)

L'uomo dal fiore in bocca. All'uscita (Biblioteca italiana) di

Due atti unici teatrali di Luigi Pirandello: il meritatamente celebre «L’uomo dal fiore in bocca», e il quasi dialogo filosofico «All’uscita». Completano il volume una breve nota ai testi e una cronologia della vita e delle opere di Pirandello.

Il giuoco delle parti (Biblioteca italiana)

Il giuoco delle parti (Biblioteca italiana) di

Il “gioco” delle parti in questo dramma di Pirandello è quello a tre dei personaggi principali dell’opera, il filosofico Leone Gala (il marito), Silia (la moglie), e Guido (l’amante di lei). Quando Silia decide di spezzare l’equilibrio precario delle parti assegnate loro dalla vita creando ad arte un incidente che mette in moto una sfida a duello, Leone reagisce alla situazione richiamando, a s...

L'amica delle mogli (Biblioteca italiana)

L'amica delle mogli (Biblioteca italiana) di

L’opera teatrale "L’amica delle mogli" deriva da una novella scritta da Pirandello nel 1894; il racconto fornisce però alla commedia, scritta in un lampo nell’agosto del 1926, solo lo spunto di fondo iniziale: gli anni delle ambientazioni piccoloborghesi e del realismo “sociale” sono ormai lontani, e a partire dalla ricollocazione dei personaggi in un ambiente altolocato la vicenda assume delle...