Lettere a nessuno (Einaudi. Stile libero big)

«Quando questo libro è uscito per la prima volta, se ne è parlato come della tragicomica vicenda di uno scrittore sotterraneo in lotta per la pubblicazione... Ignorando le ragioni, le tensioni e le testimonianze che attraversano da parte a parte questo diario segreto ed epistolario esploso». Antonio Moresco fa rivivere la figura dello scrittore irregolare, appartato, oggetto di amore e odio, e quasi di culto. Da scrittore «emerso», porta ancora piú avanti il suo disperato, donchisciottesco tentativo di aprire varchi nel nostro chiuso presente, con un libro nuovo a tutti gli effetti, che si colloca nella grande tradizione dello Zibaldone di Leopardi e del Mestiere di vivere di Pavese. Un ininterrotto passo narrativo che attraversa ora la dimensione piú quotidiana ora quella piú generale, all'insegna di un continuo e intransigente primato dell'etica, e con una lingua che è considerata una vetta della produzione italiana contemporanea. Moresco conserva lo stesso sguardo sincero e ostinato degli inizi: oggi piú consapevole, ma mai disilluso. «E poi la purezza... ma la purezza è impossibile, intollerabile, è intollerabile anche solo sentirne ancora parlare, in questa epoca! È una parola "di destra", nazista, non la si può piú usare... E invece io credo che si possano usare tutte le parole del mondo, che bisogna vedere come vengono usate, che cosa vuoi dire, che è pazzesco che ci siano dei professorini che si arrogano il diritto di stabilire quale parola puoi usare e quale no, che non è comunque un caso che questa sia una delle parole piú criminalizzate, che è significativo comunque che questa caricatura di piccolo potere culturale terminale che si autoproclama "di sinistra" abbia abbandonato da tempo alla altrettanto caricaturale controparte culturale parole assolutamente difendibili e belle e buone e forti, come purezza, qualità, onore, coraggio, lasciando che ne faccia un uso ipocrita, retorico, grottesco».

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Antonio Moresco

L'adorazione e la lotta

L'adorazione e la lotta di

"Negli ultimi vent'anni, accanto a vasti romanzi, romanzi brevi, racconti, opere di teatro e altri testi legati a esperienze di sconfinamento e cammino, mi è capitato di confrontarmi con scrittori, poeti e pensatori incontrati sulla mia strada che avevano lasciato un segno profondo dentro di me. Ne sono nati scritti che non hanno le caratteristiche di riflessioni pacificate e di degustazioni...

La lucina (Libellule)

La lucina (Libellule) di

Lontano da tutto, tra i boschi, in un vecchio borgo abbandonato e deserto, un uomo vive in totale solitudine. Ma un mistero turba il suo isolamento: ogni notte, sempre alla stessa ora, il buio è improvvisamente spezzato da una lucina che si accende sulla montagna, proprio di fronte alla sua casa di pietra. Cosa sarà? Un abitante di un altro paese disabitato? Un lampione dimenticato...

I randagi

I randagi di

Tutto nasce dalla foto segnaletica di un sovversivo di nome Moresco – per di più maledettamente somigliante all'autore di questo libro – ritrovata da un amico al Casellario Politico Centrale di Roma. Questa casuale scoperta è la miccia che accende la curiosità dello scrittore, lo spinge a esplorare il difficile passato della propria famiglia, a scoprire memorie scritte e vecchie...

Gli increati

Gli increati di

Gli increati è un romanzo vertiginoso, che coinvolge e cattura con la sua spinta narrativa travolgente, un testo autonomo e, nello stesso tempo, il culmine di un unico progetto cominciato più di trent'anni fa con Gli esordi e proseguito con Canti del caos. È un'opera che taglia e oltrepassa i nostri giacimenti narrativi, poetici, mitici, religiosi, i saperi scientifici, economici, storici,...

Il combattimento (Oscar contemporanea)

Il combattimento (Oscar contemporanea) di

"Questo libro contiene due brevi romanzi ( Clandestinità , La cipolla ) e tre lunghi racconti ( La camera blu , La buca , Il re ). Nella mia vita di scrittore abbraccia un arco di ventisei anni. Clandestinità è il mio libro d'esordio. L'ho scritto nel gennaio del 1979 ed è stato pubblicato per la prima volta nel 1993. La cipolla è un breve romanzo nato all'inizio degli anni Ottanta...