L'animale adolescente: Vicende tragicomiche di un padre disorientato

UN ROMANZO DI ORDINARIA FOLLIA ADOLESCENZIALE
«Mentre avanzi a tentoni attraverso l’adolescenza di tua figlia, dopo un po’ cominci a temere che potrebbe durare più della Seconda guerra mondiale.»
Jan Weiler (il padre) si aggira nel regno del «suo» animale adolescente (la figlia Carla) con curiosità e titubanza, elaborando ogni sorta di esperimenti ed espedienti per arginare la tempesta che gli è piombata addosso.
E mentre lui non riesce a non fare il padre – monitorando amicizie e umori della figlia «nascosto» su Facebook, portandole nottetempo l'apparecchio dentale quando la ragazza si ferma a dormire dagli amichetti, opponendo strenua resistenza all'acquisto di superalcolici per il suo 14° compleanno... –, lei si rivela un caso talmente enigmatico da far ritenere impossibile che un giorno da quel «letargico anfibio verrà fuori una persona impegnata e svelta, che inizia delle cose e le porta a termine per il bene della società e a dispetto della propria indole.»

Un libro che ogni genitore dovrebbe leggere
per non perdere la speranza:
dall’adolescenza si può guarire.

«Carla è bravissima a prendersela comoda, a rilassarsi, a distendersi, a riposarsi, a gingillarsi, ad ammazzare il tempo, in parole povere, a non fare nulla. Del resto, dal suo punto di vista non si tratta di sette variazioni della medesima attività, ma di azioni distinte, la peculiarità delle quali tuttavia continua a sfuggire alla mia comprensione.»
Jan Weiler

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

L’animale adolescente di Jan WeilerRecensioniLibri.org

Un padre disorientato, Jan, osserva la figlia Carla, tredicenne, come un ricercatore osserva un fenomeno strano e inspiegabile. Entra quasi con timore nel “laboratorio”, cioè la camera da letto di sua figlia, per tentare di individuare la chiave di volta che gli possa consentire di giungere all’elaborazione di una teoria che spieghi il funzionamento di questi esseri incomprensibili che sono gli adolescenti.... Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.