Alzati fanciulla

“Talità Kum, Alzati fanciulla”, versetto evangelico che si riferisce a uno dei miracoli di Gesù (non la famosa resurrezione di Lazzaro, ma un analogo episodio, senz’altro meno noto, che vide protagonista una ragazza) è il leitmotiv che percorre l’intera raccolta. I nove racconti hanno infatti per protagoniste donne dimenticate, cresciute con il peso dell’inadeguatezza: non sono mai abbastanza belle, abbastanza intelligenti o ricche. Fin da giovani sembrano dover elemosinare quell’affetto che ad altri è elargito con naturalezza, con generosità e finiscono quasi sempre con il ripetere, come in una maledizione dal sapore antico, gli errori delle madri. Sono donne a volte strappate dalla loro terra d’origine, quel Veneto che riemerge dalla memoria come una terra d’altri tempi, popolata di gente volenterosa e solidale; con grande lucidità, attraverso il ritratto di personaggi vividi e struggenti, l’autrice fotografa il passaggio da una società prettamente contadina ad una a vocazione imprenditoriale, che sembra perdere la sua innocenza man mano che acquista potere: i soldi, i “schei”, soli sembrano valere le fatiche del vivere. C’è chi, inevitabilmente, rimane schiacciato da questa logica; altri, come le eroine che popolano questi racconti, riescono a riscattarsi da un destino che pare segnato, a superare la propria fragilità, dettata il più delle volte dal senso di colpa, e, finalmente, a rialzarsi.
Daniela Pavan Verago nata a San Donà di Piave e cresciuta tra Veneto e Piemonte, ha scritto racconti e romanzi, in parte inediti. Alzati Fanciulla - Talità Kum è la sua prima opera edita. Della stessa casa editrice è stato pubblicato il romanzo Io sono del mio amore e il mio amore è mio.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Daniela Pavan Verago

Io sono del mio amore e il mio amore e mio

Io sono del mio amore e il mio amore e mio di

Un romanzo d'amore e di morte. Una storia proibita che non doveva neppure iniziare tra una giovane donna ed un uomo maturo. Un amore dominante, travolgente, morboso, senza scampo che porta un protagonista alla morte violenta e l'altra a una morte che si sconta vivendo. La storia è un lungo flashback, ma è una storia che si chiude con la morte della persona amata, il resto è pura...