il mio nome era julius: il figlio cancellato

Una serie di efferati omicidi a matrice mitologica vengono commessi da una sagace "mens criminale" nell'Europa di metà '800.

Che nesso c'è tra i dannati del tartaro e la leggenda di Troia ?

Quale ossessione spinge il serial killer a deturpare il tallone delle sue vittime e coprirne gli occhi con monete antiche?

Ad indagare sui delitti il giovane criminologo veronese Cesare Lombroso, che grazie alle sue nuove teorie, allo studio del mito e alle sue grandi capacità intuitive, porrà le proprie orme sulla scia di Heinrich Schliemann, un intrigante e arguto personaggio ossessionato dal mito di Troia.

Sullo sfondo Ankershagen, un piccolo e sparuto villaggio del Mecklemburgo infestato da superstizioni e credenze, inquietanti e tenebrose.

In primo piano la vita del protagonista realmente esistito, una vita piena di colpi di scena, rocambolesca ma con lo scopo unico di coronare il suo grande sogno.

Un thriller affascinante e accattivante in un'epoca ricca di mutamenti storici, artistici e letterari.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli