Quaderno di traduzioni (Collezione di poesia Vol. 274)

Compra su Amazon

Quaderno di traduzioni (Collezione di poesia Vol. 274)
Autore
Giorgio Caproni
Editore
EINAUDI
Pubblicazione
16 dicembre 2014
Categorie
"Non ho mai fatto differenza, o posto gerarchie di nobiltà, tra il mio scrivere in proprio e quell'atto che, comunemente, viene chiamato tradurre", afferma Giorgio Caproni sottolineando la sostanziale continuità tra traduzione e scrittura poetica e affidando alla traduzione l'importante funzione di "allagamento della propria esperienza e coscienza: del proprio essere ed esistere, più che del conoscere".Progettato da Caproni stesso pochi anni prima della morte, questo Quaderno presenta una scelta delle sue traduzioni poetiche: alle versioni ormai famose da Apollinaire, Char, Frenaud, Garcia Lorca, se ne accompagnano altre inedite, come quelle da Baudelaire, o fin qui reperibili solo su rivista o su antologia: Prevert, Verlaine, Cadou, Henri Thomas, De Viau, Hugo, Manuel Machado. Dall'accostamento di testi originali e versioni caproniane risulta un rapporto dialogico fitto di convergenze e agnizioni; un affascinante intreccio vocale a cui la scrittura poetica di Caproni partecipa in profondità, poiché tradurre è, nelle parole dello stesso poeta, quanto "rende diurno ciò che già era in lui, ma dormiente: notturno". Nella sua sequenza di "imitazioni", il Quaderno consente di individuare una forma del tradurre che si sottrae originalmente, sia nella teoria che nella testualità, alle tendenze dominanti nella nostra tradizione novecentesca della versione poetica.Il volume, introdotto da uno scritto di Pier Vincenzo Mengaldo, è accompagnato da una ricca nota ai testi del curatore in cui si individuano le varianti di traduzione e le scelte che le hanno motivate.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giorgio Caproni

Sulla poesia

Sulla poesia di

Il 16 febbraio del 1982 in via Santo Stefano del Cacco (ben nota ai lettori di Gadda), al "Teatro Flaiano" di Roma, Giorgio Caproni tiene una conferenza dove dovrebbe commentare i suoi versi "Parole (dopo l'esodo) dell'ultimo della Moglia". Tra il pubblico siede Pietro Tordi, un attore, che da alcuni anni commette quella che in molti considerano una sua personale stranezza: registrare, in teatr...