L'originale di Giorgia

«Nessuno avrebbe potuto intuire, in quegli anni di vento e libellule e Alpi lontane, il tema di fondo di questa storia. Che in realtà è semplice: la natura collettiva dell’amore. In una notte qualsiasi, notte di nuove inquietudini e scuola media, Giorgia sognò una rosapesce quasi perfetta. La notte successiva noi tutti sognammo un gattoserpente rudimentale. Da quel momento Giorgia per noi non fu mai più una bimba-ginocchia bucate». Con questa semplice e perfetta scelta di parole, Zanotti definisce il passaggio all’età adulta, e di converso il tema dell’infanzia smarrita ma sempre presente, del «doppio» (il cuore del racconto) che si ripresenta per tormentarci con ciò che vorremmo ancora desiderare: giocare a moscacieca, perdendoci nella nebbia.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Paolo Zanotti

Bambini bonsai

Bambini bonsai di

In un futuro non così remoto, i bambini sono creature diafane e solitarie, costrette a ripararsi dal sole perenne e feroce, ricche di una fantasia acutissima, a noi sconosciuta. Pepe è cresciuto in una baraccopoli ai margini di Genova, alle prese con una madre soavemente irresponsabile e un padre smarrito nelle droghe musicali. Per anni sue confidenti sono state le antiche figure borghesi del...