Papà

«Papà è prima di ogni altra cosa un manifesto all’amore filiale che perdura nonostante ogni difficoltà, persino nonostante la morte che potrebbe (dovrebbe?) interrompere ogni colloquio. Dan Pagis dipinge un affresco frammentario del suo rapporto col padre, a qualche anno dalla sua morte, incardinato su alcune “scene” principali (come le tre visite al cimitero) ma sempre accompagnato da altre scene minori, che offrono ulteriori squarci a ciò che ha deciso di presentare come una propria personalissima “cronaca familiare”. Eppure è bene non confondere queste pagine per una sorta di “autobiografia” che l’autore consegnerebbe in forma di prosa,questa volta, mentre già altrove aveva affidato ai versi alcuni frammenti della propria storia personale».Federico Dal BoDan Pagis (1930-1986), considerato uno dei maggiori poeti israeliani contemporanei, ha insegnato Letteraturaebraica contemporanea all’Università Ebraica di Gerusalemme.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli