Il secolo (L'Arcipelago Einaudi Vol. 206)

«Il secolo è un libro assai strano, con i suoi capitoli alterni in prima e in terza persona. Nella serie dispari (cinque capitoli), la voce narrante è quella del vecchio Casaldáliga, giudice in pensione da tempo agonizzante, che immobile di fronte al lago sulle cui sponde vive, ricorda il passato e descrive la sua situazione presente, che assume i caratteri di una farsa piú che di nessun'altra cosa. Nella serie pari (quattro capitoli), si racconta la storia di quello stesso personaggio fino ai suoi trentanove anni, sottintendendo che sia nato col secolo, esattamente nel 1900. Nella sua ricerca di un destino "nitido e inconfondibile" il protagonista tenta dapprima di farsi martire per amore, poi eroe di guerra, e infine decide di diventare delatore. Per quanto, piú che tentare di mettere in atto i primi due destini, egli accarezzi piuttosto l'idea di esservi spinto, giacché questa è la storia di un abulico, di un vile, di un uomo passivo e indeciso, almeno fino al 1939, anno in cui finalmente passa ad avere parte attiva. Credo che se m'interessò questo argomento ciò si dovette in parte a una questione di famiglia. Mio padre fu denunciato nel 1939, poco dopo la fine della Guerra Civile, da quello che era stato il suo migliore amico, e per questo trascorse un periodo in carcere. Questa storia mi aveva sempre impressionato fin da bambino, come anche la rivelazione che uno dei nostri scrittori piú famosi si fosse offerto come delatore, pare, al "Corpo d'Indagine e Vigilanza" franchista in piena guerra, per "fornire dati su persone e comportamenti", proprio quando fare nomi significava mandare direttamente al muro chi li portava. Immagino che con questo romanzo io volessi in parte tentare di spiegarmi in che modo persone di valore o degne di stima, dalle quali in teoria era difficile aspettarsi nefandezze, potessero arrivare a commettere la peggiore delle viltà senza in apparenza esservi indotte o costrette con la forza. Ma questo è solo un aspetto del romanzo...»

Javier Marías

***

«Ogni frase di questo libro comunica il senso del tempo, del secolo, che a sua volta diventa non solo il secolo in cui vive Casaldáliga, in cui viviamo noi, ma anche il secolo, il mondo, la vita».

«ABC»

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Javier Marías

Così ha inizio il male (Supercoralli)

Così ha inizio il male (Supercoralli) di

Siamo nella Madrid degli anni Ottanta, una città in cui il ricordo della dittatura franchista è ancora dolorosamente vivo. Il giovane Juan De Vere, fresco di laurea, viene assunto da Eduardo Muriel per fargli da assistente. Muriel è un regista che vive in una grande casa nei quartieri alti della capitale insieme alla moglie, l'esuberante Beatriz Noguera, e i figli. I due avrebbero tutt...

Mentre le donne dormono (L'Arcipelago Einaudi Vol. 208)

Mentre le donne dormono (L'Arcipelago Einaudi Vol. 208) di

Un fantasma degli anni Trenta piú spaventato dei malcapitati a cui compare, un capitano dell'esercito di Napoleone durante la campagna di Russia, il protagonista de L'uomo sentimentale ritratto quando era ancora bambino, un maggiordomo bloccato in un ascensore, un caso di «doppio» a Barcellona che porterà alla rovina, un caso di «doppio» in Inghilterra che porterà all'orrore, un «ciccio...

Quand'ero mortale (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 1059)

Quand'ero mortale (Einaudi tascabili. Scrittori Vol. 1059) di

Un fantasma che scopre atroci verità sulla sua vita passata; un guardiaspalle con la passione per le corse dei cavalli, costretto a compiere uno sporco lavoro; un'aspirante attrice porno in attesa di conoscere il collega con cui lavorerà; un uomo trafitto da una lancia africana; un medico che nelle notti di Parigi visita donne infelicemente sposate. Questo e molto ancora, nei dodici racconti di...

Gli innamoramenti (Supercoralli)

Gli innamoramenti (Supercoralli) di

Luisa e Miguel sono la coppia perfetta. María Dolz, che lavora in una casa editrice, da anni li osserva ogni mattina al caffè, e da quel rapporto trae la forza per affrontare la propria vita. Ma all'improvviso tutto cambia: Miguel viene accoltellato dal custode di un parcheggio, e María, sconvolta dalla tragedia, non può fare a meno di avvicinarsi alla vedova. Dopo qualche tempo intreccia una r...

Nera schiena del tempo (Einaudi tascabili. Letteratura Vol. 1198)

Nera schiena del tempo (Einaudi tascabili. Letteratura Vol. 1198) di

E cosí, con la sua inesauribile capacità affabulatoria e con il suo stile unico e raffinatissimo, ci racconta di vecchi libri che si fanno scoprire quasi intenzionalmente, degli autori di quei libri, dei libri che lui stesso ha scritto; ma non solo: di scrittori e critici come Francisco Rico, del suo amico e maestro Juan Benet, di John Gawsworth, ma anche di Francisco Franco, del fratellino J...