La città nel golfo (Narratori stranieri)

Nel 1943, nell’Italia occupata dai nazisti, uno studente in Legge sloveno – Rudi – getta la divisa e si rifugia sui monti. Preso il treno per andare verso la sua città natale, incappa in un commando di tedeschi a cui sfugge miracolosamente trovando rifugio in campagna.
È qui che viene accolto dalla diciottenne Vida, una ragazza sognante, pervasa da ideali forse ingenui ma profondi e da un desiderio irresistibile di andarsene, di cambiare l’orizzonte della sua vita. Rudi si sente molto attratto da lei, ma non tollera il fatto che Vida rinneghi la propria slovenità. Il senso di inferiorità culturale che la ragazza esprime con le sue scelte lo irrita profondamente e lo spinge a riaffermare, per contrasto, le proprie radici, rievocando episodi e aneddoti che hanno segnato la sua vita e quella della comunità slovena in Italia dopo la fine della Grande Guerra e l’avvento del fascismo. A confondere ancor di più sensazioni e sentimenti sopraggiunge una ragazza che Rudi aveva conosciuto in treno: Majda, una staffetta partigiana, incaricata di portarlo da suo fratello. Rudi entra così in contatto con la lotta armata. Ma è questa lotta, dalla cui fascinazione non riesce a liberarsi, che lo condanna all’isolamento. La sua vita non può concedersi all’amore, tutti i ruoli imposti dalla Storia non possono essere dismessi, ad ogni costo.
Affresco della Resistenza e moderna epopea dell’uomo umiliato e offeso, ma capace di rinominare le cose proprio mentre si guarda alle spalle e traendo forza da quello sguardo per vedere un futuro davanti a sé, inizia con questo romanzo la riproposta delle opere di un grande narratore contemporaneo, che ha posto al centro del suo scrivere i dilemmi dell’identità nazionale e storica.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Boris Pahor

Così ho vissuto: Biografia di un secolo (Overlook)

Così ho vissuto: Biografia di un secolo (Overlook) di Boris Pahor Bompiani

Il Novecento è il secolo di Boris Pahor: ne ha vissuto gli orrori e le conquiste, facendosene testimone per eccellenza. Il racconto della sua esperienza esistenziale è dunque una narrazione etica e viva, densa di avvenimenti e aneddoti che seguono un tracciato cronologico mai banale o scontato. La sua biografia si sviluppa attraverso questo racconto, reso da Pahor in prima persona, ...