Cento Sicilie: Testimonianze per un ritratto (Tascabili. Saggi)

Compra su Amazon

Cento Sicilie: Testimonianze per un ritratto (Tascabili. Saggi)
Autore
Gesualdo Bufalino
Editore
Bompiani
Pubblicazione
24/11/2014
Categorie
Un uomo riceve l’incarico di andare alla Casa dei Matti, padiglione I, per far compagnia ai degenti.
Ed ecco spalancarglisi di fronte il mondo dell’ex manicomio, diverso da quello riformato coraggiosamente da Franco Basaglia, ma al tempo stesso sempre uguale, come un mito che non tramonta. Qui tutti hanno un’identità e una storia, anche se in frantumi. Tra l’odore del disinfettante e quello degli alimenti si aggirano Amalia, che si crede nobile, Anita, la “donna down” sempre col cappotto addosso, Maria che non fa che cantare, Olga, senza denti e con la mania religiosa, Berto, fissato con le parole crociate. E poi Cecilia: una donna molto anziana, di novantasei anni, di cui molti, troppi, trascorsi in manicomio, non si sa neppure perché.
Cecilia è litigiosa, solitaria, bizzarra. Ma forse ha solo bisogno che qualcuno riconosca che lei “è”. Allora l’io narrante le offre una cioccolata. Lei si scioglie, cominciano a parlare. Gli racconta la sua vita, di quando faceva la commessa in una pasticceria e guadagnava settanta centesimi alla settimana. Altri tempi: ora lei, come gli altri, non sa più cosa accade nel mondo. E per quanti sforzi si facciano, non si può più tornare indietro, recuperare il tempo ormai trascorso. Si può solo ballare: un ballo reale e metaforico insieme, perché sulle note scorrono come in un sogno gli anni non vissuti da questi degenti, Cecilia compresa: gli anni perduti.
Pino Roveredo si cala nella realtà dei “matti”, li fa parlare, sognare in diretta, si emoziona insieme a loro e poi li lascia al loro destino, che è diverso da quello dei normali, ma non troppo, in fondo. Il ballo della vita è sempre uno solo, e qui ne vengono fornite, in punta di piedi, con passione eleganza e dolore, le note e le movenze.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Gesualdo Bufalino

Calende greche (Tascabili. Saggi)

Calende greche (Tascabili. Saggi) di Gesualdo Bufalino Bompiani

Calende greche si dice, comunemente, di giorni che non verranno mai. Qui è inteso come giorni che non furono mai, o furono altrimenti. A imitazione di quelle stampe popolari che rappresentano le varie età della vita dell’uomo dalla culla alla tomba, quest’opera di Bufalino sviluppa la parabola di una vita immaginaria, le cui stereotipe vicende vengono contraffatte con tanta abilità da apparire ...

Qui pro quo (Tascabili. Romanzi e racconti)

Qui pro quo (Tascabili. Romanzi e racconti) di Gesualdo Bufalino Bompiani

Il libro racconta un mistero: la morte di un editore, dovuta non si sa se a frode o a disgrazia, nella sua casa delle vacanze. Ne segue un indagine che chiama in causa tutti gli ospiti in prima persona. Finché la sua segretaria, una nubile di poche grazie e di molte virtù, risolve o crede di risolvere il caso.

Saldi d'autunno (Tascabili. Romanzi e racconti)

Saldi d'autunno (Tascabili. Romanzi e racconti) di Gesualdo Bufalino Bompiani

"Saldi d'autunno si presenta come un episodico taccuino di viaggio attraverso i maggiori autori della Sicilia, una miscellanea di saggi, svaghi e corsivi d'argomento letterario e no, come ad esempio sul sentimento dell'isola e delle sue maschere fantastiche.", Gesualdo Bufalino

L'uomo invaso (I grandi tascabili)

L'uomo invaso (I grandi tascabili) di Gesualdo Bufalino Bompiani

Racconti e misteri buffi di uno scrittore «malpensante» tra sofisma e passione, fantasia e realtà. Un'atmosfera d'incanto e di ironia dall'inesauribile fascino letterario.

Museo d'ombre (I grandi tascabili)

Museo d'ombre (I grandi tascabili) di Gesualdo Bufalino Bompiani

Museo d'ombre è il breviario d'una età e d'una cultura defunte, amorosamente censite nelle loro reliquie superstiti: luoghi, mestieri, facce, linguaggi, così come la memoria li ha preservati dalla voracità della storia. Attraverso un'assidua ricerca del quotidiano nel mito e del mito nel quotidiano, il lettore potrà sciogliere un nodo o due di quel groviglio ch'è il cuore dei siciliani.

Tommaso e il fotografo cieco (Tascabili. Romanzi e racconti)

Tommaso e il fotografo cieco (Tascabili. Romanzi e racconti) di Gesualdo Bufalino Bompiani

Composizione: fra un'anestesia e l'altra, fra un by-pass e l'altro, per allegria. Genere: un grottesco di chiacchiera e azione. Altrimenti: un non-romanzo travestito da iper-romanzo, e viceversa. Argomento: un giornalista con ambizioni di scrittore abbandona per confusi motivi esistenziali il lavoro, la famiglia, gli amici, esiliandosi nel seminterrato d'un grande condominio metropolitano. Qui ...