Attraverso il confine

Un’estate fa Gianluigi giocava con barche di carta nella vasca del giardino. Quest’anno no: il suo passatempo preferito adesso è esplorare ogni angolo di quella villa in riviera, sempre piena di gente, con i viali del parco ingombri di macchine fuori serie o d’epoca e gli ospiti presi in un vortice tra sci d’acqua, corse in motoscafo, balli, bridge, tennis, caccia al tesoro e whisky a gogo. Una folla colorata e in quella folla due donne. Una, Cate, che lo provoca e lo canzona. L’altra, Michela, che lo incanta e lo turba. Nell’estate torrida della sua adolescenza, si sviluppa un gioco a tre pericoloso e denso di oscuro fascino… Ispirandosi al racconto di Fëdor Dostoevskij Un piccolo eroe Scerbanenco entra nel mondo magico di un ragazzo e delle sue emozioni cogliendo il protagonista nell’estate in cui scopre di essere diventato grande.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Giorgio Scerbanenco

Nebbia sul Naviglio: e altri racconti gialli e neri (La memoria)

Nebbia sul Naviglio: e altri racconti gialli e neri (La memoria) di

Le tappe del lungo percorso «noir» di Scerbanenco in venti racconti gialli e neri pubblicati su giornali e riviste tra il 1936 e il 1948 e mai apparsi in volume. Piccoli capolavori sconosciuti che svelano aspetti sorprendenti dell’autore, definito da Oreste del Buono una «autentica macchina per scrivere».

Nessuno è colpevole (La memoria)

Nessuno è colpevole (La memoria) di

La terza indagine dell'archivista della polizia di Boston Arthur Jelling. È stato ucciso un uomo durante una partita di caccia, e il suo compagno è reo confesso, senza dubbi, senza tentennamenti, con piena convinzione di tutti. Solo Jelling resiste all’acquietamento generale e per dimostrare la sua ragione si intestardisce nella più astrusa delle dimostrazioni per assurdo. Avendo...

La bambola cieca (La memoria)

La bambola cieca (La memoria) di

Il miliardario Déravans sta per riacquistare la vista grazie a un difficile intervento chirurgico. Ma i luminari che devono eseguire l’operazione vengono freddati l’uno dopo l’altro mentre alla prestigiosa clinica viene recapitata una bambola dagli occhi cavati. Cos’è che Déravans non deve vedere? o chi? Sarà l’intuito singolare del timido archivista Jelling a svelare l’oscuro...

Il cane che parla (La memoria)

Il cane che parla (La memoria) di

Un assassinio sul treno per il timidissimo investigatore Arthur Jelling; e due misteri da risolvere: la vittima è stata uccisa con un colpo partito dall’esterno o, con un misterioso artificio, dall’interno? E chi ha potuto provocare l’arresto del treno necessario all’assassino per colpire?

L'antro dei filosofi (La memoria)

L'antro dei filosofi (La memoria) di

Un caso difficile e intricato per Arthur Jelling costretto a districarsi tra i componenti di una famiglia di fanatici moralisti che vive monacalmente in una squallida villetta di periferia. Sarà l’intuito e la conoscenza dell’animo umano che porteranno Jelling, poco a poco, verso la verità più segreta.

Lo scandalo dell'osservatori astronomico (La memoria)

Lo scandalo dell'osservatori astronomico (La memoria) di

Il manoscritto ritrovato, il «sesto Jelling», pubblicato oggi per la prima volta. In una ambientazione del tutto originale, un osservatorio astronomico, Arthur Jelling indaga tra asteroidi e pianeti, psichiatri e scienziati. E con il consueto rigore e la solita capacità riflessiva riesce a sciogliere il groviglio di simboli e significati riposti nel delirio di un pazzo.