Il console onorario

Un mondo fatiscente eppure vitale, torbido ed esotico, scosso da paradossali contraddizioni, serve ancora una volta a Graham Greene per costruire un romanzo nella prospettiva di un'alleanza, tutt'altro che santa, fra esistenza, assurdo e ironia. Ai confini con il Paraguay, in una piccola città senza nome di una provincia senza nome, vive Charley Fortnum, console onorario di Sua Maestà britannica, diplomatico di infimo rango, marito dell'avvenente e molto più giovane Clara. Quando viene rapito da guerriglieri paraguaiani, nessun potere costituito è disposto a far niente per lui. La sua sorte sembra segnata, interviene Eduardo Plarr, un altro inglese senza radici, che muore nel riuscito tentativo di salvarlo. Offrendo al console onorario la via per una trasformazione interiore, per il recupero di una carica esistenziale e di comprensione umana che egli stesso non aveva mai sospettato di possedere.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Graham Greene

Quinta colonna

Quinta colonna di

Nel 1940 a Londra, durante i mesi cruciali dei grandi bombardamenti aerei tedeschi, Arthur Rowe cade nelle spire dello spionaggio nazista. Spinto da un amore struggente, cerca di scoprire le fila del tradimento e sbaragliare l'organizzazione nemica.

Il potere e la gloria

Il potere e la gloria di

In un Messico insanguinato dalla rivoluzione, in un paese che perseguita, fucila o costringe al matrimonio i ministri di Dio, l'ultimo prete è braccato in una spietata caccia all'uomo. Su di lui pende una taglia, un Saint-Just idealista e implacabile segue le sue tracce. La preda non ha nome. La gente lo chiama «il prete spugna». È indegno, debole, impuro. Il peso delle sue colpe è l'unico...