Madame Pipì (AsSaggi di narrativa)

Antoinette ha 40 anni e lavora come addetta alla sorveglianza delle toilettes in una brasserie parigina. Qui conosce Fran?ois, dieci anni più giovane di lei, vicedirettore di un istituto di cura di patologie psichiatriche. L’attrazione che scatta subito fra di loro è contraddistinta dall’ossessione di lui per l’ordine e la disciplina e dal bisogno di lei di trovare nell’altro la sicurezza che non ha mai avuto, per avere la quale è pronta a ogni genere di sottomissione. Padrone e schiava, vittima e carnefice, entrambi persi in un gioco di seduzione forte e imprevedibile. In mezzo, a turbare questo idillio perverso, il figlio di Antoinette, Charlot, un bambino affetto da una lieve forma di autismo. Normalità e follia si implicano a vicenda: dove finisce l’una e inizia l’altra? E il richiamo di eros, non aggirabile, quale dimensione preferisce per scatenarsi? Nell’amore il sovvertimento della “norma” coincide con la follia? Dove tutto scorre “normalmente” siamo di fronte a qualcosa di anormale.
Le ambivalenze e le contraddizioni dell’amore, la ferocia della manipolazione che assume la maschera di una razionalità calcolatrice, la follia sono i temi del primo inquietante romanzo degli autori.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Tinto Brass

Una passione libera: In forma di autobiografia

Una passione libera: In forma di autobiografia di Tinto Brass

Articoli visualizzati di recente e suggerimenti in primo piano › Visualizza o modifica la cronologia di navigazione Dopo aver visualizzato le pagine di dettaglio del prodotto, guarda qui per trovare un modo facile per tornare alle pagine che ti interessano.