Destini verticali

In un borgo del Cadore Paco Costantini è un ragazzo di vent’anni rimasto orfano dopo che il padre, una leggenda dell’arrampicata, è precipitato da una parete durante un’ascesa. Paco ha ereditato l’enorme talento di Zirio per la montagna, ma insieme a esso la sorte gli ha lasciato in dote un pessimo carattere. Durante un pranzo con gli amici nel quale tutti hanno bevuto troppo, Paco incontra Corin, il vecchio rocciatore che faceva da secondo a suo padre durante la salita fatale, e che lui ritiene responsabile della tragedia. I due si provocano, la situazione trascende; ma anziché finire a pugni, la lite prende una piega inattesa.Corin, infatti, sfida il ragazzo a una camminata fino al rifugio più in alto. Destini verticali è una storia ruvida, di emozioni nascoste,di egreti inconfessabili. La montagna, silenziosa,ascolta e pone di fronte i due protagonisti ai propri drammi interiori, amplificando le paure e i desideri con le sue pareti rocciose, con i suoi ghiaioni sdrucciolevoli, con il buio immobile che cala su di loro durante la sfida, complicando le cose…

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli