Rigor Artis (Off Topic)

Un serial killer. Uno dei pochi che il paese ha partorito. E una missione personale: far rinascere l’arte attraverso la morte.
La morte dei falsi idoli. Romania e Bucarest. Accidentale.
Poteva essere qualsiasi altro punto del mondo in cui l’essenza dell’umanità, la cultura, somiglia sempre più a un malato terminale.
Ceausescu, Vlad, Ioana, Roxy, Dragana…
Esseri che si mescolano in una narrazione che racconta il volto di una Romania poco conosciuta. Ceausescu era un dittatore.
Un dittatore che ha ricevuto un premio per i suoi meriti dalla Regina Elisabetta d’Inghilterra. Un Ceausescu che, con le sue milizie, è riuscito a catturare un serial killer in 72 ore. Un’epoca in cui i circoli culturali erano quasi una moda e infiammavano letteralmente i cuori di milioni di giovani. Si era schiavi liberi.
La contraddizione resa sistema.
A distanza di oltre vent’anni, le carte in tavola sono cambiate solo per il modello sul retro. Si è schiavi liberi.
La contraddizione è ancora sistema. E i sexy shop si trovano incastrati accanto ai muri di una chiesa.
L’arte è una povertà poco bohème.
La televisione è l’unico punto di riferimento. Una Romania creata su modello europeo, alla stregua di un fratello minore che copia solo il peggio dal maggiore. Una matrioska, in verità, con effetti domino.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli