BELLAGIO. FINE CORSA

Milano, marzo '45.

Un giovane medico, Michele, e una ragazza si incontrano per caso.

Lui prende al volo il tram che lei sta guidando. Tra di loro nemmeno una parola.

La sera stessa si ritrovano. Finalmente cominciano a parlare. Laura riesce a sganciarsi. Ma il giovane insiste. La cerca ancora. La trova proprio mentre alla rimessa dei tram si svolge una sfilata di moda. E la modella è lei!

All'evento è presente anche un ufficiale tedesco, insospettito da quella ragazza che sembra tenere gli occhi troppo bassi. Gli viene un dubbio: che sia ebrea?

Intanto la situazione politica precipita. Un attentato partigiano finito male dà luogo a una rappresaglia pesante da parte dei fascisti. In piazzale Loreto scorre molto sangue: che sia di monito per tutti gli oppositori!

Un amico di Michele, ferito durante l'azione, viene ricoverato a Niguarda, dove le suore infermiere lo dichiarano debole psicologicamente per evitargli il carcere e la deportazione.

L'ufficiale tedesco insiste nelle sue indagini. Torna sulle tracce della ragazza che ha sfilato nella rimessa: se davvero è ebrea, la sua fine è segnata.

Invece, Laura e Michele riescono a dar vita alla loro storia. Vivono una grande speranza.

Una domenica, a Bellagio, il sogno diventa realtà, anche se solo per poche ore.

Poi, il giorno seguente, Michele non la trova più. Nessuno può sapere che è finita ad Auschwitz.

L'ufficiale tedesco matura una grande decisione: vuole la prima linea, quella dettata dal Fuherer.

Così chiede di prestare servizio in un campo di concentramento. E ad Auschwitz incontra proprio Laura. È sbalordito, ma quella giovane col pigiama a righe è lei. Che non gli dice una parola.

Quando vede quel che accade nel campo, l'ufficiale comincia a maturare una coscienza diversa.

Un giorno Laura viene uccisa. L'ufficiale chiede un breve permesso. Torna a Milano per sistemare un conto in sospeso e Michele...







Gli intrecci della Storia e dell'amore, della politica e della costruzione della pace.

Le turbolenze dell'anima per chi è costretto a vivere in un periodo durissimo e spietato.

Ma, nonostante tutto, la ricerca della felicità rimane al primo posto.

Anche quando tutto sembra perduto.



La vicenda è romanzata, ma tutti i fatti narrati hanno precisi riferimenti storici.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di SILVIO VALOTA

L'uomo che vestiva di bianco

L'uomo che vestiva di bianco di

E' il 1642. Una nave olandese diretta a Batavia è bloccata da giorni nell’oceano a causa di un’estenuante bonaccia.C’è il rischio di un ammutinamento, ed i rapporti a bordo sono molto tesi, tanto da sfociare in violenza dura.Il capitano tenta di tenere sotto controllo la situazione, ed intanto fa amicizia con un passeggero. Insieme ingannano il tempo raccontandosi del loro passato.Ecco allora ...