De profundis

Il De Profundis è una lunga lettera a Lord Alfred Douglas, il giovane amato da Wilde, scritta nei primi mesi del 1897 nel carcere di Reading dove Wilde si trovava da quasi due anni per il reato di sodomia. E'l'opera che ci permette di accostarci al vero mondo dell'autore, di riconoscere l'uomo e lo scrittore nel suo aspetto non mistificato. Una volta uscito di prigione, Wilde affidò il manoscritto all'amico giornalista Robert Ross, che ne fece due copie dattiloscritte. Una fu inviata allo stesso Douglas, che negò di averla mai ricevuta. Nel 1905, quando ormai Wilde era morto da cinque anni, Ross pubblicò un'edizione ridotta dell'originale col titolo di De profundis, che rimase a tutte le edizioni successive. L'originale fu affidato nel 1909 da Ross al British Museum, con la condizione espressa che non fosse dato in visione per cinquant'anni. La seconda copia dattiloscritta fornì il testo per la "first complete and accurate version" pubblicata da Holland nel 1949. In realtà quando, nel 1959, il manoscritto fu reso pubblico, fu possibile stabilire che i dattiloscritti contenevano parecchie centinaia di errori.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Oscar Wilde

The Fisherman and His Soul / Il Pescatore e la Sua Anima

The Fisherman and His Soul / Il Pescatore e la Sua Anima di

Ogni sera il giovane Pescatore usciva sul mare e gettava le sue reti nell’acqua... Bilingue inglese/italiano, con illustrazioni. Traduzione di Nadia De Giovanni. Illustrazioni di Valentina Bandera. Oscar Fingal O'Flahertie Wills Wilde (1854–1900) è stato un autore irlandese, drammaturgo e poeta. Nadia De Giovanni, laureata in lingue, è grafico e pubblicitario. Valentina Bandera è architetto,...

Aforismi: Born to be Wild(e) (Classici del pensiero)

Aforismi: Born to be Wild(e) (Classici del pensiero) di

Oscar Wilde non pubblicò mai una raccolta di aforismi anche se il pensiero di creare tale raccolta gli venne una volta, poco prima di recarsi in Francia, nel 1897, quando era ancora nel carcere di "Reading", ma a tale progetto non seguì mai una realizzazione. Quindi, proprio gli aforismi, frasi estrapolate da una selezione delle sue opere rappresentano il modello del suo stile di vita, di...

Il fantasma di Canterville (Einaudi tascabili. Classici Vol. 1710)

Il fantasma di Canterville (Einaudi tascabili. Classici Vol. 1710) di

Che cosa può spingere un vecchio fantasma, Sir Simon de Canterville, sull'orlo della depressione? Forse i nuovi abitanti del suo antico castello, l'ambasciatore americano Otis e la sua portentosa famiglia, che non si lasciano certo spaventare e mettere in fuga da catene scricchiolanti, ululati sinistri e macchie di sangue. Pubblicato per la prima volta nel 1887, Il fantasma di Canterville è...

L'importanza di essere onesto (Biblioteca di Alphaville)

L'importanza di essere onesto (Biblioteca di Alphaville) di

La più famosa e rappresentata commedia di Oscar Wilde. Ideata e proposta per la prima volta all’attore-impresario teatrale George Alexander nel luglio del 1894, "The importance of being Earnest" venne scritta di getto da Wilde nell’agosto del medesimo anno mentre si trovava in villeggiatura con la famiglia a Worthing (toponimo scherzosamente ispiratore del nome del protagonista della commedia)....

Interviste americane

Interviste americane di

Il 3 gennaio 1882 Oscar Wilde arriva a New York per alcune conferenze sull’Estetismo. Ha solo 26 anni ma è già noto e «chiacchierato». Conteso dai salotti della buona società inglese, è il bersaglio di parodie e caricature feroci, che prendono di mira il suo abbigliamento non allineato ai canoni vigenti, l’originalità un po’ trasgressiva del suo stile di vita e le istanze di un movimento che...

Il crimine di Lord Arthur Savile (Un saggio sul dovere)

Il crimine di Lord Arthur Savile (Un saggio sul dovere) di

Il racconto narra di Savile a cui, in seguito ad un ricevimento offerto da Lady Windermere dove ad alcuni ospiti viene letto il futuro, un chiromante predice una minaccia imminente: egli stesso sarà l'artefice di un omicidio. Lord Arthur, prossimo alle nozze, crede fermamente nella predizione del chiromante e per evitare di coinvolgere la futura moglie nelle conseguenze del delitto, decide di...