Addio al coniugato

Compra su Amazon

Addio al coniugato
Autore
Gabriele Romagnoli
Editore
Phasar Edizioni
Pubblicazione
10 luglio 2014
Categorie
Esiste la vita perfetta? Sei single e desidereresti un compagno. Hai un compagno e invidi la vita da single. Forse sono proprio le incertezze che ci stimolano a cercare il vero senso della vita.

Trovare una soluzione a una crisi matrimoniale è tutt’altro che facile, specie quando una donna non si sente considerata, ascoltata e desiderata.
Linda, quarant’anni, bellissima donna in carriera, sposata da venti e madre di Sara, appena diciottenne, decide di mettersi in gioco e di provarci. Grazie a Mia, una compagna di liceo, riscopre un sentimento messo da parte: l’amicizia. Come spesso capita, però, matrimonio ed ex amicizie non sono un binomio semplice da gestire.
Quello che era nato come strumento di chiarimento per una situazione sentimentale delicata finisce per diventare causa di maggior confusione. La situazione si aggrava quando le certezze di saper gestire i propri sentimenti vacillano di fronte a un uomo che rispecchia gli ideali della protagonista.
Riuscirà linda a liberarsi da quello che percepisce come un tunnel senza via d’uscita?
Forse le sarà sufficiente comprendere che la vita è come un quadro e che a volte... basta solo guardarci dentro.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Gabriele Romagnoli

Domanda di grazia (Libellule)

Domanda di grazia (Libellule) di

"Una mattina di febbraio entro in corte d'assise e vedo, dentro una gabbia adatta a contenere la ferocia di Totò Riina, controllato da sei colossali guardie penitenziarie, un gigante gentile e smagrito. Ha gli occhi azzurri e, per un attimo, un sorriso che viene da un altro tempo. È imputato per omicidio e io lo conosco." Questo scriveva nel 2008 Gabriele Romagnoli in un articolo. L'imputato...

Solo bagaglio a mano

Solo bagaglio a mano di

Non ingombrare, non essere ingombranti: è l’unica prospettiva che si possa contare fra quelle positive, efficaci, forse anche moralmente e politicamente buone. Gabriele Romagnoli ha avuto modo di pensarci in Corea, mentre era virtualmente morto, chiuso in una cassa di legno, grazie al rito-esperimento di una società che si chiama Korea Life Consulting. Nel silenzio claustrofobico di quella...