Storia di un corpo (Universale economica)

Compra su Amazon

Storia di un corpo (Universale economica)
Autore
Daniel Pennac
Editore
Feltrinelli Editore
Pubblicazione
27 giugno 2014
Valutazione
(1)
Categorie
Tornata a casa dopo il funerale del padre, Lison si vede consegnare un pacco, un regalo post mortem del defunto genitore: è un curioso diario del corpo che lui ha tenuto dall’età di dodici anni fino agli ultimi giorni della sua vita. Al centro di queste pagine regna, con tutta la sua fisicità, il corpo dell’io narrante che ci accompagna nel mondo, facendocelo scoprire attraverso i sensi: la voce stridula della madre anaffettiva, l’odore dell’amata tata Violette, il sapore del caffè di cicoria degli anni di guerra, il profumo asprigno della merenda povera a base di pane e mosto d’uva. Giorno dopo giorno, con poche righe asciutte o ampie frasi a coprire svariate pagine, il narratore ci racconta un viaggio straordinario, il viaggio di una vita, con tutte le sue strepitose scoperte, con le sue grandezze e le sue miserie: orgasmi potenti come eruzioni vulcaniche e dolori brucianti, muscoli felici per una lunga camminata per Parigi e denti che fanno male, evacuazioni difficili e meravigliose avventure del sonno. Con la curiosità e la tenerezza del suo sguardo attento, con l’amore pudico con cui sempre osserva gli uomini, Pennac trova qui le parole giuste per raccontare la sola storia che ci fa davvero tutti uguali: grandiose e vulnerabili creature umane.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Storia di un corpo di Daniel Pennac | a cura di AnaëlleStamberga d'Inchiostro

sue strepitose scoperte, con le sue grandezze e le sue miserie: orgasmi potenti come eruzioni vulcaniche e dolori brucianti, muscoli felici per una lunga camminata attraverso Parigi e denti che fanno male, evacuazioni difficili e meravigliose avventure del sonno. Con la curiosità e la tenerezza del suo sguardo attento, con l’amore pudico con cui sempre osserva gli uomini, Pennac trova qui le parole giuste per raccontare la sola storia che ci fa davvero tutti uguali: grandiose e vulnerabili creature umane. Oggi vorrei dedicare un piccolo spazietto a Daniel Pennac, autore finora a me sconosciuto. Se non fosse stato per il club di lettura della biblioteca vicino casa, non ne sarei mai entrata a contatto. Sono la prima ad essere pignola quando si tratta di libri, soprattutto quando non ne conosco gli autori e devo ammetterlo, questa esperienza, mi ha portata ad aprire di più la mente non sottovalutando ciò che mi trovo davanti così facilmente. Da una che leggeva soltanto thriller sono passata ad ampliare la mente, scegliendo spesso anche qualcosina di vario, qualcosa che un tempo non avrei mai letto. La mia lista dei libri, che siano ancora da leggere o li desideri soltanto (e che dovrei ancora aggiornare), comprendono altri genere oltre la mia ossessione. E questo lo devo agli eventi, come il club di lettura, che organizza la mia biblioteca. Ora parliamo del libro. Il titolo accenna qualcosa, è la storia di un uomo narrata attraverso il proprio corpo. Non è un diario come gli altri, non prevalgono i fatti, le emozioni nate da un ricordo o domande esistenziali, al contrario, emergono soltanto i cambiamenti corporei, i piaceri e i dolori. Quello che rende questo titolo uno dei miei nuovi romanzi preferiti è l’assenza di una trama vera e propria, tutto ciò che il protagonista vive e i personaggi di contorno sono soltanto accennati. Ogni tanto abbiamo dei nomi, delle situazioni, ma poi si torna sempre e comunque al corpo. Non mi sono mai accorta di quanto il protagonista avesse ragione nel dire che il nostro corpo cambia di ora in ora. I miei ricordi sono spesso abbinati a luoghi o situazioni particolari eppure in nessun momento mi sono mai soffermata a riflettere su ciò che provassi in realtà mentre vivevo una determinata situazione. Non mi sono mai ascoltata sotto questo punto di vista, ma dopo aver letto questo libro, sto prestando particolare attenzione alle sensazioni che provo a livello fisico, che siano esse positive o negative. Vedete, questo è il fattore originale del romanzo, che riesce fino a un certo punto, chi lo ha già letto, forse, sa di cosa parlo. Non anticipo nulla ai nuovi lettori, è una lettura ricca destinata a conquistarvi in ogni caso e la conclusione che giunge è la medesima: abbiamo una data di scadenza e quando questa giunge, a risentirne è specialmente il corpo. Da quello che avete potuto capire è un libro che rileggerei volentieri e non vedo l’ora di aggiungere altri titoli dello stesso autore alle mie letture. Continua…

Piace a 1 persona

Registrati o Accedi per rispondere.

Altri libri di Daniel Pennac

L'amico scrittore: Conversazione con Fabio Gambaro

L'amico scrittore: Conversazione con Fabio Gambaro di

Un libro in forma d’intervista in cui Daniel Pennac ripercorre la sua carriera di scrittore, dai primi noir della serie di Benjamin Malaussène fino a "Storia di un corpo", passando per "Come un romanzo", "Ecco la storia" e "Diario di scuola". Un’incursione nell’officina del popolare romanziere, tra ricordi e riflessioni, in cui Pennac si esprime – oltre che sulla genesi e i caratteri delle sue ...

La prosivendola

La prosivendola di

Per rilanciare le vendite del suo autore di maggior successo commerciale, che fabbrica dei bestseller mondiali sul mondo della finanza e del quale non si devono conoscere né il vero nome né il viso, la regina Zabo, tirannica direttrice e geniale 'prosivendola' della casa editrice Taglione decide, in occasione del lancio del nuovo successo annunciato, di reclutare un 'sostituto' che incarni pubb...

La passione secondo Thérèse (Universale economica)

La passione secondo Thérèse (Universale economica) di

La tribù Malaussène e la sua cerchia hanno il piacere di annunciare il matrimonio di Thérèse Malaussène con il conte Marie - Colbert de Roberval consigliere referendario di primo livello. Una storia dove si approfondisce la conoscenza con il promesso sposo, dove si dice che l'amore è proprio così come si dice, dove si capisce che anche in amore le stelle barano, dove si narra del matrimonio, di...

Mio fratello

Mio fratello di

“Non so niente di mio fratello morto, se non che gli ho voluto bene. Sento moltissimo la sua mancanza, e tuttavia non so chi ho perso. Ho perso il piacere della sua compagnia, la gratuità del suo affetto, la serenità dei suoi giudizi, la complicità del suo senso dell’umorismo, ho perso la quiete. Ho perso quel po’ di tenerezza che c’era ancora al mondo. Ma chi ho perso?”Daniel Pennac sorprende ...

Grazie

Grazie di

Siamo a teatro: il vincitore di un premio letterario ci mostra le spalle e grida "Grazie, grazie!" verso la platea che ha di fronte. Le luci si spengono, il sipario si chiude e il protagonista si volge verso di noi. È impacciato e stanco: cerca le parole per ringraziare e finge di cercare un biglietto in tasca. Il problema è: chi, come e perché ringraziare? L'autore, premiato "per l'insieme del...

Grazie (Super universale economica)

Grazie (Super universale economica) di

Siamo a teatro: il vincitore di un premio letterario ci mostra le spalle egrida "Grazie, grazie!" verso la platea che ha di fronte. Le luci sispengono, il sipario si chiude e il protagonista si volge verso di noi. Èimpacciato e stanco: cerca le parole per ringraziare e finge di cercare unbiglietto in tasca. Il problema è: chi, come e perché ringraziare? L’autore,premiato "per l’insieme della su...