Apologia del bisonte

La Bologna del ’77, e delle ‘K’ sui muri.


L’Italia odierna e quella del 1600, così lontane e così simili; così raccontate e così misteriose.

Le generazioni senza passato e quelle senza neppure un domani.

E la luce che sembra rischiarare il futuro, ma che intanto lascia al buio il presente.




“Ai piedi del faro non c’è luce.”

Ernst Bloch

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Elias Dal Cerro

Il cimitero delle mosche: ovvero: La Sindrome di Samarcanda

Il cimitero delle mosche: ovvero: La Sindrome di Samarcanda di

Non è detto che una storia debba esser per forza un giallo, anche se dentro - da qualche parte - si nascondono certamente parecchi assassini. Non è detto che una storia debba esser per forza una biografia - o un memoir, come va d’uso chiamarle oggigiorno – anche se racconta le vite di molti qualcuno: e le storie dei singoli sono la Storia dei popoli. No. È una storia, e basta. Ma è anche, semp...

Tutto è in prestito

Tutto è in prestito di

L’espressione ‘cavia umana’ fa orrore? Che ipocrisia! Siamo tutti cavie di qualche esperimento: economico, sociale, politico, perfino medico; molto spesso – anzi, quasi sempre - a nostra insaputa. E dov’è, in quei casi, lo sdegno? L’orrore? “Compra ciò che si apprezza, prendi in prestito ciò che si deprezza” Siamo in prestito: nessun interesse, per noi. “Ciò che conquistiamo rimane nostro so...