Il pianeta azzurro

Il pianeta azzurro, uscito nel 1986, è considerato il primo romanzo postmoderno di Malerba: di sicuro uno dei più amati della sua produzione, quello dal più spiccato significato politico e che molti considerano il suo più alto risultato narrativo. In queste pagine si snodano, nella forma di un giallo paradossale, le trame occulte della P2 e le ramificazioni di un potere perverso e mafioso che si estende nei sotterranei della politica italiana. Al centro della narrazione la storia di un attentato, con precisi riferimenti alla realtà storica del Novecento, dalla quale emerge un personaggio politico di primo piano che il lettore non tarderà a riconoscere. Nonostante la drammaticità dell'argomento, il linguaggio è limpido e cristallino e aderisce perfettamente alle elucubrazioni scientifiche e filosofiche del protagonista, che arricchiscono di inedite suggestioni un libro di penetrante intelligenza.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Luigi Malerba

Il serpente

Il serpente di

Un uomo - il narratore - gelosissimo della sua amante la uccide, ne divora il cadavere e si autodenuncia. Ma presto si scopre che il narratore mente. E in un gioco continuo di realtà e finzione, nulla appare certo se non l'incerto.

Il circolo di Granada

Il circolo di Granada di

C'è una terra, tra Granada e Murcia, nel cuore rovente dell'Andalusia, in cui la campagna è arida e vuota: è la "Terra Salata", percorsa da quei viandanti che preferivano sfidare la ferocia del sole e del vento carico di sabbia africana piuttosto che affrontare il rischio di imbattersi nei briganti sulla strada più agevole. Per la via del deserto si incammina il merciaio Homero Luís,...

La scoperta dell'alfabeto

La scoperta dell'alfabeto di

Apparso nel 1963, La scoperta dell'alfabeto è l'esordio-capolavoro di Malerba e contiene ventidue racconti ambientati nelle terre dell'Appennino parmense che hanno dato i natali allo scrittore: la culla di una cultura contadina arcaica rimasta immune per secoli a ogni sorta di rinnovamento e infine toccata, e distrutta, dalla civiltà dei consumi. Malerba non canta tuttavia la fine di questa...

Testa d'argento

Testa d'argento di

Pubblicato per la prima volta nel 1988 e vincitore del Premio Grinzane Cavour, Testa d'argento raccoglie una serie di racconti narrati tutti in prima persona, perché - come scrisse l'autore - il lettore potesse meglio "entrare nei panni e nell'anima dei suoi personaggi". Diversissime tra loro sono tuttavia queste storie, sia per la varietà dei protagonisti sia per la difformità delle...

Fantasmi romani

Fantasmi romani di

Il matrimonio di Giano e Clarissa, dopo più di vent'anni, si regge su un borghese "equilibrio imperfetto" fondato su una solida e collaudata ipocrisia, per cui ciascuno dei due nasconde segreti che, se venissero alla luce, provocherebbero una catastrofe. Ma questa "manutenzione del matrimonio" non è una semplice sequela di volgari sotterfugi, è l'applicazione assidua e insonne di capacità...

Salto mortale

Salto mortale di

Camminando in un prato, un Giuseppe detto Giuseppe si imbatte nel cadavere di un uomo. Potrebbe essere l'avvio del più classico libro giallo la cui logica, fatta di indizi via via più stringenti, sembra presiedere la trama di questo romanzo, intessuto in realtà di temi inediti e sorretto da un'invenzione letteraria fitta di paradossi e ironia. Poco a poco infatti il lettore si rende conto...