Un altare per la madre (Garzanti Narratori)

PREMIO STREGA 1978

Il romanzo è la conclusione ideale di quello che Camon ha intitolato «il ciclo degli ultimi», in cui un mondo contadino immobile da sempre rivive nella sua miseria e grandezza. Da questa matrice terrestre l’autore approda ora, per trasfigurazione di amore, mediazione di memoria e per virtù di poesia, a un sentimento dell’immortalità che trova il suo simbolo e segno nell’altare di rame costruito per la madre. È il padre che lo erige, ma è il figlio che ne registra la nascita, costruendo a sua volta un «altare di parole», il libro appunto, che consentirà alla madre di «smettere di morire». Dolcissima testimonianza d’amore, è un romanzo che può essere letto e sentito a diversi livelli, ma che soprattutto coinvolge con un’intensa religiosità di timbro tolstoiano. Una scrittura compatta e tesissima, epica ed elegiaca, dà al libro la severa unità delle opere che restano.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Ferdinando Camon

Occidente: Il diritto di strage

Occidente: Il diritto di strage di

«Cos’è la strage? Un diritto e un dovere». Come in un’allucinante discesa agli inferi, il libro si cala dentro la mente dei terroristi, fino ai livelli in cui la strage (uccidere molti, uccidere innocenti) appare non solo come un diritto, ma come un dovere morale: dopo la strage, il terrorista è più «puro» di prima. Un intero capitolo di questo libro fu trovato nel covo della cellula neonazista...

Mai visti sole e luna

Mai visti sole e luna di

PREMIO STREGA 1978 In quindici rapidi e intensi capitoli, Mai visti sole e luna ripercorre la storia di una comunità contadina dai giorni dell’occupazione tedesca a oggi. Una voce dal «coro dei vinti» ci racconta quei giorni di furore e di terrore, resi ancora più nitidi dal sapiente impasto di lingua e dialetto . Sullo sfondo di una guerra sentita come scontro di orde primitive, Mai...

Il quinto stato

Il quinto stato di

PREMIO STREGA 1978 Il quinto stato che dà il titolo al libro sono quegli ultimi della campagna veneta cui Ferdinando Camon ha dedicato molti dei suoi romanzi. Il quinto stato , primo testo del «Ciclo degli ultimi» , appunto, mette in scena quell’epopea grandiosa e miserabile del popolo contadino, fatto di uomini , di angeli , di diavoli e di animali travolti in un vorticoso intreccio...

La vita eterna

La vita eterna di

PREMIO STREGA 1978 «Scrivendo La vita eterna volevo vendicare i partigiani contadini, il loro destino oscuro, senza gloria. Poiché il capo delle SS di questa zona dell’Italia di cui parlo nel libro fu scoperto quando La vita eterna fu tradotta in tedesco, e fu citato in processo, e morì la notte della prima udienza, mi piace pensare La vita eterna come un colpo di fucile sparato dall’Italia...

La cavallina, la ragazza e il diavolo (Garzanti Narratori)

La cavallina, la ragazza e il diavolo (Garzanti Narratori) di

PREMIO STREGA 1978 In questo romanzo breve e intenso Camon getta un ultimo sguardo sul confine tra la campagna e la città, in una vicenda che fiorisce intorno a un’amicizia profonda e tenera, quella che lega la giovane Laura, figlia del Sangallo, il più gran proprietario di terre tra l'Adige e il Po, a una cavallina veloce come il vento, Maggie, che dovrà correre contro i migliori puledri...

Il canto delle balene (Garzanti Narratori)

Il canto delle balene (Garzanti Narratori) di

PREMIO STREGA 1978 Un buon marito, un onesto professionista del nostro tempo, viene invitato dalla moglie – che è in analisi – a partecipare a una seduta di terapia d’urto. Ci va. E lì, senza averlo minimamente previsto, si sente chiamato a render conto del suo piccolo kamasutra coniugale, posizione per posizione. Da questa grottesca situazione iniziale, fino all’inattesa e radicale vendetta...