Denaro Falso

Lev Nikolàevi? Tolstòj (Jàsnaja Poljana, 9 settembre 1828 – Astàpovo, 20 novembre 1910), è stato uno scrittore, filosofo, educatore e attivista sociale russo.

Denaro falso è un racconto diviso in due parti: nella prima la falsificazione di un titolo di credito di piccolo valore, fatta da due studenti, innesca una catena di eventi che coinvolgono decine di altre persone, con conseguenze sempre più gravi; nella seconda parte viene offerta una possibilità di redenzione alla maggior parte dei protagonisti superstiti.
Denaro falso è stato giudicato un racconto-pamphlet, una requisitoria contro il denaro, inteso come strumento di corruzione individuale e sociale. Contro il potere del denaro, Tolstòj auspica un ritorno a forme sociali premoderne che ricordano le utopie rousseaviane. (Wikipedia)

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Lev Tolstòj

La morte di Ivan Il'ic: e altri racconti (Oscar classici Vol. 455)

La morte di Ivan Il'ic: e altri racconti (Oscar classici Vol. 455) di

Gli ultimi giorni di vita di un ambizioso impiegato che, nel momento dell'agonia, scopre l'ipocrisia che ha sempre contraddistinto la sua esistenza e altre celebri storie brevi in cui il grande romanziere russo riesce a toccare le corde più profonde della coscienza umana.

Anna Karénina (Nuovi oscar classici Vol. 155)

Anna Karénina (Nuovi oscar classici Vol. 155) di

Una signora dell'aristocrazia russa, fuggita all'estero con l'amante, non trova la serenità dello spirito nella nuova condizione, anzi finisce i suoi giorni con il suicidio. Uno dei romanzi più famosi di Tolstòj (1828-1910).

I racconti di Sebastopoli

I racconti di Sebastopoli di

Ufficiale dell'esercito russo all'assedio di Sebastopoli, Tolstòj rievoca le sue esperienze personali in una serie di racconti indimenticabili: lo spirito, i sentimenti e le gesta della grande e disperata epopea della guerra di Crimea.

I Cosacchi

I Cosacchi di

Un dissoluto ufficiale russo decide di iniziare una nuova vita facendosi inviare nel selvaggio Caucaso. Qui, a contatto con la natura e con gli abitanti fieri e orgogliosi, sembra trovare il senso di una nuova esistenza. Un capolavoro poco conosciuto del grande scrittore, che reca evidenti tracce autobiografiche.

Chadzi-Muràt

Chadzi-Muràt di

L'eroica lotta del capo caucasico Chadži-Muràt contro l'esercito russo, un intreccio di avventure, di vendette e di tradimenti nel lungo racconto, postumo, dell'autore di Guerra e pace.