Anima e sangue

Compra su Amazon

Anima e sangue
Autore
Pina Varriale
Editore
Imprimatur
Pubblicazione
27 agosto 2015
Categorie
«Lei ride, la veste leggera mostra i seni piccoli e turgidi, il ventre piatto e le gambe affusolate, ha un corpo acerbo, ma lui adora quelle membra sottili, quel fragile guscio che nasconde un’anima straordinaria. Rosella, la porta per l’infinito, il varco sublime per raggiungere l’Inconosciuto, il tramite tra la menzogna e la verità».

1737, Napoli, gli inizi del regno di Carlo di Borbone.
Raffaele, un figlio del popolino dotato di una voce da usignolo, giace prigioniero in una segreta buia, strappato alla sua famiglia e privato della sua virilità: dovrà essere iniziato a diventare uno tra i migliori castrati per essere poi donato a Raimondo di Sangro, principe di Sansevero. Personaggio storico, nobile eclettico e anticonformista, il principe non si fa scrupolo di sbeffeggiare la legge e la religione, creandosi non pochi nemici a corte. Non fosse per Rosella, la fanciulla dai seni in miniatura e dal ventre da bambina, che è diventata la sua amante segreta, Sansevero si sentirebbe solo e incompreso. È grazie a lei, piccola prostituta strappata alle grinfie di un triste destino, che il principe riesce a dare un senso al suo vivere. Ma a un tratto tutto precipita: una serie di strani delitti tra i nobili in vista della città minaccia il precario equilibrio di Raimondo e mina la stabilità del governo. Al polso dei cadaveri viene sempre trovata una corda con tre nodi e attorno ai loro corpi è sparsa una polvere bianca che sembra calcina. Come mai? Starà a un’improvvisata investigatrice, mossa dal desiderio di vendicare la morte del suo amore, districarsi tra le mille voci di questa storia, rintracciare e ricollegare i fili nascosti e trovare il colpevole, ristabilendo così l’ordine.
Ambientato in una Napoli bugiarda e seducente come una cortigiana, questo romanzo corale alterna in maniera mirabolante miseria e lusso sfrenato, onestà e tradimenti, luce e ombra attraverso una ricostruzione storica minuziosa e attenta.

Pina Varriale è scrittrice, pittrice e radio speaker. I suoi racconti sono apparsi in varie antologie. Nel corso della sua lunga carriera di scrittrice per ragazzi ha ricevuto numerosi riconoscimenti, tra i quali il premio alla carriera - Culture section dell’associazione Assoimpero nel 2008; il premio Bancarellino e il premio Legambiente per il libro Ragazzi di camorra (Piemme), sempre nel 2008; il premio Nuovi autori di fantascienza nel 2006; il premio Città di Castello nel 1990; il premio L’Espresso nel 1988.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Pina Varriale

Presagi di morte

Presagi di morte di

“Il 1982 era cominciato soltanto da poco ma già si preannunciava ricco di sorprese. (…) In linea di massima, però, nonostante le proteste di piazza, la gente non si lamentava più del necessario. E tutto andava avanti alla meno peggio”. Sullo sfondo delle guerre di camorra degli anni Ottanta Pina Varriale, con maestria e intelligenza, tratteggia i contorni di un giallo intricato e...