Scia di morte: L'ultimo viaggio del Lusitania

Compra su Amazon

Scia di morte: L'ultimo viaggio del Lusitania
Autore
Erik Larson
Editore
Neri Pozza
Pubblicazione
4 giugno 2015
Categorie
È una splendida giornata di maggio del 1915, una di quelle rare giornate di brezza lieve, mare calmo e bel sole, quando il Lusitania, il piú grande transatlantico dell’epoca, un «levriero» capace di sostenere una velocità di oltre venticinque nodi, inferiore soltanto a quella dei cacciatorpediniere della marina britannica, naviga al largo delle coste meridionali irlandesi.
La nave, diretta a Liverpool, è salpata da New York a carico pieno, con duemila «anime» a bordo, incluso un numero inaspettato di bambini, e merci, bagagli e vettovaglie varie: una vera e propria città galleggiante d’acciaio, inconfondibile coi suoi quattro fumaioli, e invulnerabile grazie alla sua straordinaria velocità.
Le acque del mare d’Irlanda sono state dichiarate «zona di guerra» dalla Germania, ma a bordo del Lusitania i passeggeri e il comandante William Thomas Turner si curano poco della dichiarazione e dell’avviso, pubblicato sui giornali newyorchesi dall’ambasciata tedesca a Washington, in cui si rammenta agli equipaggi che le navi dirette in quelle acque, battenti bandiera britannica o di uno qualsiasi dei paesi suoi alleati, sono «passibili di affondamento». Troppo veloce il Lusitania per qualsiasi sommergibile o imbarcazione militare tedesca. E troppo rassicurante la promessa protezione della Royal Navy britannica.
Con la sirena da nebbia ormai spenta e il sole alto e splendente, i passeggeri del Lusitania, vestiti con piú cura ed eleganza del solito in quell’ultima giornata di navigazione, sciamano cosí tranquillamente sui ponti. I ragazzini piú grandi saltano la corda, come sempre. I piú piccoli si aggirano con bambinaie e steward, a piedi o in carrozzina, con i ciucciotti al collo o appesi ai vestitini.
Sono circa le due e dieci quando, a sedici ore di navigazione da Liverpool, Leslie “Gertie” Morton, marinaio di diciotto anni, prossimo a ottenere il brevetto da secondo ufficiale, scorge a dritta sull’acqua un grosso spruzzo di spuma, una specie di gigantesca bolla che erutta in superficie. Qualche istante dopo lo spruzzo diventa una scia che rimane a galla, come un lunga cicatrice pallida. In gergo marinaresco quella traccia di turbolenza lenta a svanire ha un solo nome: «scia di morte».
Di lí a poco, echeggia sulla nave, chiaro, il grido: «Siluro in arrivo!».
Sepolta sotto i dettagli ingarbugliati dell’affondamento di uno dei piú grandi transatlantici dell’epoca, Erik
Larson scopre «una gran bella storia» e la narra con ritmo romanzesco, basandosi però rigorosamente su
memorie, lettere, telegrammi e altri documenti storici. Ne emerge la saga di una nave e delle «molteplici
forze, titaniche o pateticamente insignificanti, che in una bella giornata di maggio del 1915 sono
confluite a produrre una tragedia di portata colossale, la cui vera natura e il cui significato sono rimasti
a lungo celati tra le nebbie della storia».

«Con Scia di morte, Erik Larson realizza la sua prova piú matura e appassionante…
Racconta l’affondamento del Lusitania e il conseguente ingresso degli Stati Uniti
nella prima guerra mondiale».
Antonio Monda, la Repubblica

«Un libro avvincente su un grande evento».
New York Times Book Review

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Diciotto minutiIl Consigliere Letterario

Magnifico, raffinatissimo “romanzo non-romanzo”, Scia di morte è una lettura travolgente, un tesoro di notizie, aneddoti e curiosità di irresistibile fascino, “una gran bella storia”, per dirla con le parole dello stesso Larson, o meglio ancora un armonico insieme di gran belle storie, storie che vorremmo non avessero fine. Continua…

Piace a 0 persone

Registrati o accedi per rispondere.

Altri libri di Erik Larson

Il diavolo e la città bianca

Il diavolo e la città bianca di

Stati Uniti, 30 ottobre 1893. L’architetto Daniel H. Burnham è sul tetto del mondo: l’Esposizione Universale di Chicago si è appena conclusa con uno straordinario successo di critica e pubblico e, ad appena quattro anni dal clamore suscitato dall’Esposizione di Parigi, l’America celebra il suo trionfo di avanguardia globale nel campo dell’architettura e simbolo delle promesse della...

Il giardino delle bestie: Berlino 1934 (Bloom)

Il giardino delle bestie: Berlino 1934 (Bloom) di

Questo libro narra della storia vera di William E. Dodd e di sua figlia Martha, un padre e una giovane donna americani che si ritrovano improvvisamente trapiantati dalla loro accogliente casa di Chicago nel cuore della Berlino nazista del 1934. Sessantaquattro anni, snello, gli occhi grigio-azzurri e i capelli castano chiaro, nel 1933 William E. Dodd è un rispettabile professore di storia...

Guglielmo Marconi e l'omicidio di Cora Crippen (Bloom)

Guglielmo Marconi e l'omicidio di Cora Crippen (Bloom) di

Il 13 luglio 1910 Walter Dew, ispettore capo di Scotland Yard, detto Blue Serge per i suoi abiti inappuntabili ed eleganti, rinviene nella cantina della casa londinese del dottor Hawley Harvey Crippen i resti, orribilmente ben conservati, di Cora Crippen, consorte del dottore scomparsa tempo addietro. Piú giovane di una quindicina d’anni di Crippen, avvenente e sensuale bellezza, Cora era...