Sangue romagnolo. I compagni del Duce Arpinati Bombacci Nanni

Compra su Amazon

Sangue romagnolo. I compagni del Duce Arpinati Bombacci Nanni
Autore
Giancarlo Mazzuca
Editore
Minerva Edizioni
Pubblicazione
5 settembre 2013
Categorie
In un fazzoletto di terra, pochi chilometri quadrati, nell’aspra e solatia Romagna, sono nati e vissuti, in una manciata d’anni, a cavallo tra l’800 e il ‘900, quattro personaggi che hanno cambiato la storia d’Italia. Quattro uomini che, nel bene e nel male, hanno cercato di cullare un sogno: la speranza di cambiare la misera realtà in cui erano nati, l’orgoglio di vivere una vita degna di essere vissuta e di realizzare, con le proprie forze, un mondo diverso, forse perfetto, così distante dalla povera e cara terra, la Romagna, che hanno continuato ad amare per tutta la vita. Benito Mussolini, Nicola Bombacci, Leandro Arpinati e Torquato Nanni, amici-nemici da sempre, potevano nascere solo nella Romagna di quegli anni, dove per dirla con le parole di Torquato, il vero intellettuale dei quattro, “la politica non è interesse e non è dottrinarismo: è azione, è passione, è ribellione”. La loro vita sembra un romanzo: abbracciarono, nella loro gioventù, la causa socialista, ma poi, negli anni dell’interventismo, le loro strade si divisero e, dopo la Grande Guerra, le camicie nere di Mussolini deridevano Bombacci, che era allievo di Lenin e aveva fondato a Livorno il Partito Comunista d’Italia, cantando: "Con la barba di Bombacci faremo spazzolini per lucidare le scarpe a Mussolini!". Arpinati, a sua volta, era diventato Podestà di Bologna, mentre Nanni non abbandonò la causa socialista. Lottarono su fronti politici opposti, ma restarono amici per la pelle: se il Duce aiutò (in segreto) economicamente il comunista Bombacci, il fascista Arpinati salvò il socialista Nanni che stava per essere linciato dai camerati fiorentini. Poi il drammatico epilogo del 1945: Bombacci morì accanto a Mussolini, a Dongo, e Nanni fu ucciso dai partigiani nel tentativo di salvare Arpinati a Malacappa una frazione del Comune bolognese di Argelato.
Divisi nella vita, uniti nella morte.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Giancarlo Mazzuca

Compagni di Camera

Compagni di Camera di

Bilancio di una legislatura. Un giornalista racconta, dall’interno del Palazzo, la vita degli onorevoli, detti “peones”, che fanno ugualmente parte della Casta. Amarezze e delusioni (tante), soddisfazioni e gioie (poche), di un lustro dentro Montecitorio nel diario di bordo di un parlamentare che ha spesso perso la bussola ma che, fino all’ultimo, ha cercato di riprendere la rotta giusta, perco...

Noi fratelli

Noi fratelli di

Nella «nuova avventura» del cristianesimo condotta da papa Francesco, caratterizzata da un confronto aperto con tutte le altre religioni, un ruolo particolare sta assumendo il dialogo con l'Islam.Ma quali sono stati nel corso della storia i rapporti tra le due grandi fedi monoteiste, che contano oggi quasi cinque miliardi di fedeli?Giancarlo Mazzuca e Stefano Girotti Zirotti ripercorrono i mome...