Vita mondana e mano nera nella Palermo della Belle Époque: 14 (Mnemosine)

Compra su Amazon

Vita mondana e mano nera nella Palermo della Belle Époque: 14 (Mnemosine)
Autore
Vincenzo Prestigiacomo
Editore
Nuova Ipsa Editore
Pubblicazione
13 maggio 2013
Categorie
"Vita Mondana e Mano Nera nella Palermo della Belle Époque" di Vincenzo Prestigiacomo, Nuova Ipsa Editore, coglie l’immagine di una città che vive lo sfarzo dell’eleganza e dei sontuosi ricevimenti nelle dimore settecentesche. La follia dilapidatrice di una nobiltà che riceve regnanti e magnati dell’alta finanza organizzando cene e feste da ballo che contrasta con la miseria dei vicoli che circondano le case patrizie. Nella cronaca mondana Donna Franca Florio occupa sempre la copertina, stupisce non soltanto per l’avvenenza, ma anche per lo stile di vita e l’esclusivo abbigliamento all’ultimo grido. La sua antagonista è la duchessa Marianna Alagona. In questa città dalle mille contraddizioni, ma affascinante, vivono allegramente politici corrotti appoggiati da una mafia spietata che spedisce lettere di scrocco alle famiglie più facoltose di Palermo. Tra i protagonisti del romanzo dal genere giornalistico-letterario, un monaco, fin troppo intraprendente, isolato nel monastero ma abile a dialogare con onorevoli, malavitosi e gente del popolo. Il Novecento si apre con alcuni onesti amministratori che sanno spendere il denaro pubblico e vede il diffondersi dell’attività ludica. Nel frattempo il sequestro di una adolescente e tre inquietanti omicidi vengono a sconvolgere la vita quotidiana di Palermo, non più “felicissima”.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Vincenzo Prestigiacomo

Il principe irrequieto: La vita di Raimondo Lanza di Trabia: 6 (Mnemosine)

Il principe irrequieto: La vita di Raimondo Lanza di Trabia: 6 (Mnemosine) di

il racconto di una vita non si esaurisce con l’ultima pagina di un libro. Finita la lettura si riapre in noi il desiderio di saperne di più, di comprendere meglio le ragioni, i moventi, le relazioni, quelle che Gadda chiamava le ‘concause’ che infittiscono di non sense e tramano di mistero tutta intera un’esistenza. Nel caso di Raimondo Lanza di Trabia gli elementi per riaccendere le...

La città si sveglia fascista: Il volto di Palermo tra ventennio e dopoguerra: 20 (Mnemosine)

La città si sveglia fascista: Il volto di Palermo tra ventennio e dopoguerra: 20 (Mnemosine) di

L'avvento del fascismo crea a Palermo un clima politico teso. Gli aderenti al Circolo Universitario Cattolico denunciano aggressioni delle camicie nere locali che strappano ai giovani popolari la loro tessera. A rischio anche la vita di Don Luigi Sturzo, che nel luglio 1923 si rifugia a Londra. Nel capoluogo siciliano l'imprenditoria non decolla. Hanno difficoltà a trovare un'occupazione i...