Assalto al monarca

L’ 11 maggio 1860 Garibaldi sbarca a Marsala. Ha inizio l’epopea dei “Mille”. I Garibaldini e i Picciotti corrono insieme al piccolo generale biondo, un tipo strano che ordina “seguitemi” e non “andate”, che dorme per terra con i volontari, che mangia pane e formaggio. Lombardi, Piemontesi, Liguri e Siciliani diventano soldati sui campi di battaglia. Di combattimento in combattimento “volano sulle ali della vittoria” insieme a Garibaldi fino al Volturno. Sono entrati nella leggenda. Ho ritenuto giusto ricordare un’azione audace poco conosciuta. Nella notte fra il 13 e il 14 agosto 1860 il tenente della Marina Militare del regno sardo-piemontese Alessandro Piòla Caselli compie un’azione ardimentosa, che onora lui e un contingente di circa 150 bersaglieri. Entrano nella rada di Castellamare di Stabia per arrembare il vascello Monarca, la nave ammiraglia della Real Marina del regno delle Due Sicilie, e portarsela via.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo