La strega (BUR CLASSICI MODERNI)

La donna nasce fata, in amore è maga, ma per le società e le religioni è strega. La più violenta condanna che sia mai stata inflitta al genere femminile, che fra il 1300 e il 1600 portò sul rogo oltre ventimila innocenti, costituisce l’occasione, per il grande scrittore francese, di comporre il suo inno alla strega, simbolo della donna ribelle e “redenzione d’Eva, maledetta dal cristianesimo”.
Redatto su cronache, atti giudiziari e documenti d’archivio sfuggiti alla distruzione, questo testo forza i confini tra ricostruzione storica e scrittura letteraria: così quello che molti considerano l’atto di nascita dell’etnografia moderna, la più violenta denuncia dell’Inquisizione cattolica e dell’esclusione sociale che sia mai stata scritta, diventa anche uno straordinario romanzo, traboccante di lucida pietà verso le tante donne condannate ogni giorno alla vergogna.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Jules Michelet

Discorso su Vico

Discorso su Vico di

Tutt'altro che casuale l'idea di mettere insieme, a ben più di un secolo di distanza, Jules Michelet e Gambattista Vico. Un secolo di distanza e passa tra i due uomini, un secolo e oltre di distanza dalla prima pubblicazione del Discorso che lo storico francese dedicava all'autore della Scienza Nuova. Un secolo e decenni, ad oggi, dall'uscita francese del testo.E però, lungi dall'occasionale ri...