Madre di cane (Aristea)

L’occupazione italiana della Grecia durante la Seconda guerra mondiale vista attraverso lo sguardo di una ragazzina di tredici anni, che sogna di diventare una grande attrice di teatro, ma che sarà destinata a essere solo una comparsa. Un affascinante affresco di vita, che colpisce per la sua semplicità e la sua profonda umanità. Un’umanità che risalta soprattutto nei rapporti fra la popolazione greca e l’esercito di occupazione italiano, improntati a un aiuto reciproco e privi di odio. Un romanzo pieno di verve e di humor, che avvince il lettore fino all’ultima pagina.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo