Millessette

Compra su Amazon

Millessette
Autore
Fred Vezzani
Pubblicazione
3 marzo 2011
Categorie
"Mille tornarono ma Millessette partirono".
Si chiude cosi' l'introduzione del romanzo che descrive le avventure di sette garibaldini, e i loro compagni, attraverso la semplificazione storica per cui Mille partono e Mille tornano. Sono sette uomini diversi tra loro, con poca storia in comune, alcuni avevano partecipato alle campagne dei Cacciatori delle Alpi, e attraverso i loro occhi e soprattutto le loro azioni, l'Italia si sta facendo. Occhi a tratti inconsapevoli e azioni a volte scomposte, comportamenti troppo umani e poco militareschi, un paese che puo' assomigliare all'Italia ma dove si parla una lingua incomprensibile, una lunga marcia tra battaglie che finiscono troppo presto sotto un sole che soffoca.

Il colpo di cannone, il tuono che rompe il silenzio di Calatafimi, da' il via alle danze del primo scontro con i Borbonici, dopo lo sbarco in Sicilia. Per molti di loro e' la prima battaglia, sono i primi colpi di fucile puntati contro qualcuno e la realta' si presenta a loro molto diversa da come l'avevano immaginata.
BARTOLOMEO il secco con la sua battuta sempre pronta, STEFANO che non riesce a tenere i baffi al loro posto, GIUSEPPE il bullo e la sua visione della realta', DON PAOLO che non trova le parole giuste, CARLO il giovane genovese che fugge dalla sua famiglia di ricchi commercianti, e poi EMANUEL il moro e PETRE l'ungherese che sono arrivati da fuori l'Italia per fare l'Italia. Attraverso le loro avventure i Mille percorrono lo stivale dalla Sicilia fino alla via del ritorno, per ragioni diverse, con insicurezze comuni.

Il Risorgimento viene ricostruito con ambientazione storicamente fedele eppure con personaggi moderni, perche' per quanto le pagine di storia ingialliscano, le persone, attraverso i secoli, non cambiano. Il romanzo si apre con un'introduzione e prosegue con la prima battaglia, per poi tornare alla formazione dei Mille e ai prodromi nella bassa bergamasca. La traversata in nave, e poi a piedi dell'Italia e' una lunga marcia di scoperta per i garibaldini, scoperta di luoghi e di persone. Sacrilegi, continue risse, stupri, sono intervallati a momenti di solidarieta' e affetto. Dopo la presa di Palermo i Mille attraversano tutta la Sicilia fino ad arrivare all'altra grande battaglia: Milazzo.
Da Milazzo a Napoli e' una lunga camminata. La citta' partenopea e' un'orgia di rumori, colori e sapori, che apre gli occhi ai garibaldini. I pochi giorni che passano li' sono intensi, di piacere e ristoro del corpo. Ma presto arriva il tempo della battaglia finale, del Volturno, prima che Garibaldi incontri il "suo" re a Teano.

In questo viaggio i "sette" muoiono tutti, uno per uno, chi prima ancora di sbarcare in Sicilia, chi al ritorno a casa, durante un'imboscata di briganti. Tutti "morti perche' Millessette erano partiti, ma Mille ne dovevano tornare, non uno di meno, non uno di piu'."

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo