Marianna Sirca

Compra su Amazon

Marianna Sirca
Autore
Grazia Deledda
Editore
Scrivere
Pubblicazione
8 luglio 2010
Categorie
Maria Grazia Cosima Deledda è nata a Nuoro, penultima di sei figli, in una famiglia benestante, il 27 settembre 1871. E’ stata la seconda donna a vincere il Premio Nobel per la letteratura, nel 1926. Morirà a Roma, all'età di 64 anni, il 15 agosto 1936.
Marianna Sirca è una giovane di origini modeste, arricchitasi dopo aver ereditato il patrimonio di un suo zio prete, che si innamora di Simone Sole, un giovane bandito nuorese.
I due s’innamorano e decidono di sposarsi in gran segreto. Marianna chiede però a Simone di costituirsi alla giustizia e di scontare la sua pena.
Quando il segreto trapela, si interpongono fra loro le tradizioni sia familiari sia del banditismo. Fra mille bugie e sotterfugi, Simone decide di lasciare Marianna per non rinunciare alla sua libertà e per evitarle gravi problemi con i componenti della famiglia.
Marianna, delusa, lo accusa pubblicamente di viltà. Quando Simone torna per chiederle di ritirare l'offesa, Marianna rifiuta. Contrariato e offeso, Simone si allontana di nuovo e viene ucciso la sera stessa da Sebastiano Sirca, cugino di Marianna, innamorato di lei.
Nel libro la biografia dell'auttice ed una nota sulla sua poetica.

Grazia Deledda Born in Nuoro, into a bourgeois family, September 27, 1871. She was a Italian writer whose works won her the Nobel Prize for Literature for 1926. She died in Rome at the age of 64, August 15, 1936.
Deledda's whole work is based on strong facts of love, pain and death upon which rests the feeling of sin and of an inevitable fatality.
In her works we can recognize the influence of the verism of Giovanni Verga and, sometimes, also that of the decadentism by Gabriele D'Annunzio.
In Deledda's novels there is always a strong connection between places and people, feelings and environment. Her work has been highly regarded by Luigi Capuana and Giovanni Verga. The environment depicted is that one harsh of native Sardinia, but it is not depicted according to regional veristic schemes neither according to the otherworldly vision by D'Annunzio, but relived through the myth.
In the book, a biography of the author.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Grazia Deledda

Il dono di Natale

Il dono di Natale di

Pubblicata per la prima volta nel 1930, "Il dono di Natale" è oggi una delle raccolte di novelle più celebri di Grazia Deledda. Uscita a quattro anni di distanza dal conferimento del Premio Nobel per la Letteratura, contiene 17 novelle: Il dono di Natale, Comincia a nevicare, Forse era meglio, L’anellino d’argento, La casa della luna, Il pane, Il cestino dello zibibbo, Il voto, Mirella,...

Deledda - La via del male

Deledda - La via del male di

Inizia a leggere GRATIS: scarica un estratto ora! Ebook con INDICE INTERATTIVO.

Nell'azzurro

Nell'azzurro di

"Nell'Azzurro" è il titolo della prima raccolta pubblicata da Grazia Deledda ed è composta da cinque novelle ormai classiche: Vita silvana, Sulla montagna, Memorie infantili (frammenti), Una terribile notte, La casa paterna. In "Vita silvana", novella che apre la raccolta, la Deledda racconta la storia di Cicytella, trovatella di nobili origini che viene allevata da un generoso pastore, zio...

L'ospite

L'ospite di

L'ospite è il titolo di questa raccolta di novelle pubblicata da Grazia Deledda e curata da Carlo Mulas. "L'ospite" contiene quattro novelle: L’ospite, Un giorno, Don Evéno e Due miracoli, ed è la terza raccolta di novelle edite dalla Deledda, attraverso le quali si affermò nel panorama letterario, non solo come originale autrice di romanzi, ma anche come una delle migliori interpreti...

Leggende sarde

Leggende sarde di

Narrativa, Romans regionali, locali  

Stella d'oriente

Stella d'oriente di

Nonostante i suoi quarant'anni vicini, la marchesa Anna di Oriente era ancora una bellissima donna, alta, bionda dalla carnagione di neve e gli occhi grandi e grigi con riflessi d'oro. E poi che chic nella sua persona dalle forme stupende, dalla vita lunga, elegantemente sottile e soprattutto nelle sue mani di cui è impossibile darvi un'idea