Feto di gamba (Euforie, amarezze e miserie di Benedetto Stefani)

Il sesso, la letteratura e la politica sono i tre valori che animano la vita del personaggio principale di questo romanzo.
Egli vi racconta tutto. Dalle prime sensazioni emotive che lo turbano già a otto anni, e per le quali non ha una spiegazione, alle donne che col tempo conosce. Alle donne che ha avuto. E poi vi racconta delle sue letture, di quello che ha scritto, di come la politica sia entrata e uscita dalla sua vita.
E questa storia si snocciola in due modi: raccontandovi i fatti e mettendovi di fronte ai diversi personaggi che dialogano con lui su quei tre argomenti. Per la verità c’è anche dell’altro. C’è l’amore. Ne parla. Ma se dei primi tre nuclei che costituiscono l’ossatura del romanzo ne tratta con disinvoltura estrema e senza alcuna riserva o autocensura, quando la narrazione incontra l’amore - vista l’altezza del tema - l’autore si fa più prudente, diventa rispettoso, forse si muove con meno certezze, ma non in un vuoto concettuale o sprovvisto di qualsiasi strumento d’analisi. È così che vi butta lì le domande più importanti e…e buona lettura…

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli