Colombo da Genova al Nuovo Mondo

«Eccellentissimi re, in età giovanissima cominciai a navigare e continuo ancor oggi. La stessa arte induce chi la segue a desiderare di conoscere i segreti di questo mondo…». Cinquecento anni fa Cristoforo Colombo ha lanciato la sua sfida al mondo e da allora il mondo continua a raccoglierla, affascinato dal mito di un uomo capace di superare le frontiere della conoscenza. Ma perché è toccato proprio a lui “scoprire” il Nuovo Mondo? Una scoperta che non consiste soltanto nell’andare in un posto sconosciuto, ma anche saperne tornare, conoscere, sperimentare, rischiare, oltrepassare confini dati, reali e mentali, laici e religiosi. Per comprendere il coraggio e l’intraprendenza di chi naviga nel Medioevo bisogna partire da lontano, da Fenici e Greci, che per primi attraversarono i mari del Mediterraneo, ma soprattutto bisogna partire da Genova, la piú “atlantica” delle città italiane, e dagli orizzonti aperti della sua storia.

Segnala o richiedi rimozione

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Altri libri di Alfredo Capone

Giovanni Amendola

Giovanni Amendola di

Il libro, attraverso la filosofia di Giovanni Amendola, fornisce la chiave per capire il suo pensiero politico, che definisce la democrazia liberale moderna come fondata sul superamento del principio individualistico del liberalismo classico, e su una concezione della religione come cristianesimo filosofico e aconfessionale. La democrazia politica di Amendola aveva le sue radici nel radicalismo...