Il primo sguardo (I grandi tascabili)

“Lo sguardo” a partire dal quale Ermanno Olmi si racconta a Marco Manzoni è quello che si sono scambiati i suoi genitori quando si innamorarono l’uno dell’altro: un momento che Olmi non ha vissuto direttamente, ma che continua ad accompagnarlo come un ricordo presente ed eterno.
Dalla scoperta di quel primo gesto d’amore, il suo sguardo non ha mai smesso di indagare il mistero dell’uomo, raccontando come un poeta dell’immagine i segreti del tempo e il ritmo della natura, la dignità del lavoro e le profondità dello spirito. Ermanno Olmi ripercorre sessant’anni del suo cinema, dai documentari degli esordi ai film premiati nei festival internazionali, sempre fedele a quel primo sguardo innamorato della vita.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli

Altri libri di Ermanno Olmi

L'apocalisse è un lieto fine: Storie della mia vita e del nostro futuro (Best BUR)

L'apocalisse è un lieto fine: Storie della mia vita e del nostro futuro (Best BUR) di

Cresciuto nel pieno della disfatta fascista e testimone critico della rinascita nazionale, Olmi è stato giovanissimo fornaio, impiegato ragazzino, regista precoce. Ha vissuto l’abbandono delle campagne e l’esplosione della società dei consumi e per questo, divenuto protagonista della stagione d’oro del cinema italiano, ha scelto di rappresentare non i lustrini del boom, ma la cecità di...

Il sentimento della realtà

Il sentimento della realtà di

«L’amore è una porta spalancata su un orizzonte cosmico, e così la verità, e così la felicità, e così la fede. Ma anche l’odio e l’ipocrisia». «Il sentimento non è la realtà con sotto il violino che suona; no, il sentimento è la realtà. Non è l’elegia: è la realtà. Quando ami una persona, non ami il tuo sentimento; il tuo sentimento è la persona che ami. Quello è il...

Ragazzo della Bovisa

Ragazzo della Bovisa di

Tra la Milano buia dei rifugi del 1943 e la Milano luminosa dei balli nei cortili del 1945, passando per le strade di periferia, il borgo contadino di Treviglio e una colonia estiva sul Lago Maggiore, in queste pagine Ermanno Olmi racconta la vita di un ragazzo lombardo che molto gli somiglia, rievocando gli anni del passaggio dall'infanzia all'adolescenza, segnati dalle amicizie di quartiere,...