Max Perkins (Antidoti)

Maxwell Perkins era un uomo dai modi raffinati, estremamente elegante e garbato, diventato famoso soprattutto come colui che diceva a gente come Ernest Hemingway, Francis Scott Fitzgerald, Thomas Wolfe e molti altri "dove" e "cosa" tagliare nei loro romanzi. Durante i suoi anni alla Scribner, lo storico marchio editoriale americano, questo mite personaggio ha "riscritto" la storia della letteratura. Fu lui a scovare Fitzgerald, che prima di incontrare Perkins era un totale sconosciuto con problemi di alcol, e ad aiutarlo nella stesura di tutti i suoi lavori, incluso "Il grande Gatsby". Nel 1924 Fitzgerald gli ricambiò il favore presentandogli un giovane sconosciuto di belle speranze, con il pallino della pesca e delle corride, di nome Ernest Hemingway. Tra i due nacque un intenso e prolifico rapporto, un'amicizia che avrebbe dato vita a capolavori come "Fiesta", "Addio alle armi", "Per chi suona la campana". Hemingway avrebbe onorato l'editor cinque anni dopo la sua morte, dedicandogli "Il vecchio e il mare". E infine Thomas Wolfe, un "ragazzo piuttosto disorganizzato" per il quale Perkins intraprese una storica sfida con la vecchia guardia di Scribner, che nell'autore vedeva solo una fonte di problemi. Max Perkins è stato l'uomo che ha inventato il senso moderno del ruolo di editor: un professionista che interviene nell'idea, nella costruzione, nella struttura e nella stesura di un testo.

Condividi questo libro

Recensioni e articoli

Aggiungi una recensione   Aggiungi un articolo

Non ci sono ancora recensioni o articoli